Cerca

La Libia entra in Finmeccanica: quota del 2,01%

La Consob diffonde le partecipazioni rilevanti ed emerge la presenza di Gheddafi nella società italiana

La Libia entra in Finmeccanica: quota del 2,01%
Si allarga la presenza libica nell'economia italiana. La Lia, Lybian Investment Authority, detiene il 2,01% di Finmeccanica. Lo si apprende dalla lettura degli aggiornamenti della Consob sulle partecipazioni rilevanti. Viene così superata la soglia del 2% del capitale da parte del fondo libico. La mini-scalata risale allo scorso 17 gennaio.

INTERESSI TRA ITALIA E LIBIA - Quella in Finmeccanica è solo l'ultima di una serie di partecipazioni clamorose da parte dei libici nel mondo della finanza italiana. Di recente aveva provocato scalpore la scalata in Unicredit, in cui fondi e banca riconducibili al colonnello Gheddafi avevano superato il 7%: la Lia possiede il 2,594% e la coppia formata da Banca centrale libica e Lybian Arab Foreign Investment Company controllano il 4,613 per cento. Una scalata che era costato il posto di amministratore delegato ad Alessandro Profumo.

ALTRE PARTECIPAZIONI - Altre società in cui ci sono partecipazioni del Paese nordafricano sono la Juventus (con più del 7,5%), la Fiat (intorno al 2%), Eni (circa l'1%) e Retelit. Un importante connubio è, infine, quello tra la Lybian Development Investment Co e la Impregilo per la Impregilo Lidco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marcoenrico

    22 Gennaio 2011 - 12:12

    La compagnia petrolifera statale libica Assimoco, come tutte le imprese libiche in quanto vige in Libia un regime socialista, ha annuciato la chisura di uno stabilmento (mi pare raffineria) in Lombardia mettendo a repentaglio il posto di lavoro di numerosi concittadini. Il Governo dovrebbe premere affinché la questione diventasse parte integrante dell'accordo. Non possiamo permetterci che 4 beduini gettino sul lastrico dei lavoratori italiani.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    21 Gennaio 2011 - 23:11

    Fimeccanica é il fornitore di armi alla Libia, dalkla partecipazione consegue che avrà voce in capitolo circa le modalità, la qualità, la tempistica di tasli forniture.

    Report

    Rispondi