Cerca

Rallenta la crescita nei Paesi Ocse. Italia al palo

Frena la ripresa del Pil in Germania, Francia e Gran Bretagna. Il Belpaese ultimo tra le prime sette economie al mondo

Rallenta la crescita nei Paesi Ocse. Italia al palo
La crescita economica dei Paesi Ocse muove col freno a mano tirato nel quarto trimestre del 2010. Il Pil dell'area ha messo a segno un rialzo dello 0,4% rispetto a quello dello 0,6 del trimestre precedente. I dati sono stati resi noti dall'organizzazione di Parigi, che sottolinea come in Italia la crescita rallenti allo 0,1% rispetto al precedente 0,3 per cento. Frenata anche per la locomotiva tedesca, passata dallo 0,7% allo 0,4%, mentre la Francia resta ancorata allo 0,3 per cento. Male anche Gran Bretagna (-0,5%) e il Giappone (-0,3%). Crescono invece gli Stati Uniti, con un balzo dello 0,8% rispetto al terzo trimestre, in cui l'avanzata aveva segnato lo 0,6 per cento.

ITALIA AL PALO - Per l'Italia è un brutto risultato. Anche se la crescita economica ha segnato un rialzo del 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2009, tra le principali sette economie al mondo, quella del Belpaese è quella che è cresciuta di meno: il passo in avanti rispetto al quarto trimestre del 2009 è stato dell'1,3%, mentre per esempio in Germania la crescita ha toccato il 4 per cento. La grande crescita dell'economia di Berlino ha avuto dei riflessi sul mercato dell'occupazione, che nell'ultimo trimestre del 2010 ha superato il record storico, toccando 41,04 milioni di occupati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    21 Febbraio 2011 - 15:03

    per una maggiore crescita nella UE svalutiamo il nostro euro nei confronti di dollaro e yuan.>>>>>>>>>>>>>vedrete la ripresa!!!!

    Report

    Rispondi

  • fossog

    17 Febbraio 2011 - 15:03

    Italia al palo ? ovvio, è una italia ancora borbonica e NESSUNO nè a dx nè a sx ha voglia di perdere i voti dei disonesti che vivono di rendite di posizione per cambiare qualcosa. Un'amministrazione pubblica da schifo, le professioni che sono invece CORPORAZIONI FASCISTE, i servizi che sono solo spreco ed inefficenza, il sistema fiscale che è orrido nel concetto e vessatorio nella sua applicazione, insomma di schifo da cambiare ce n'è molto.... ma chi lo fà ?

    Report

    Rispondi

  • Odescalchi

    17 Febbraio 2011 - 15:03

    Basta applicare il secondo principio della termodinamica. Italia paese ad alta entropia economica.! Informarsi prego. Letteratura e prove disponibili su richiesta. Cari saluti.

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    17 Febbraio 2011 - 15:03

    Minzolini dove metterà questa notizia? Cinque secondi fra la pubblicità e un servizio sulla pedicure ai cani?Vai Silvio, sei il miglior sparapalle degli ultimi 150 anni!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog