Cerca

Banca d'Italia: "Per famiglie meno soldi e più prestiti"

Allarme da via Nazionale: "I mutui costano di più, tassi di interesse aumentati rispetto a dicembre". Calano disponibilità

Banca d'Italia: "Per famiglie meno soldi e più prestiti"
Per le famiglie, a gennaio, mutui e prestiti costano di più: è quanto ha rilevato Bankitalia nel bollettino Moneta e Banche. Secondo il dossier, i tassi di interesse sui mutui per l'acquisto di abitazioni erogati nel mese di gennaio sono aumentati al 3,36% dal precedente 3,18% (dicembre 2010). I tassi sul credito al consumo, invece, sono schizzati di quasi mezzo punto percentuale rispetto a dicembre (dall'8,33% all'8,78%). Lieve ribasso, infine, per gli interessi riconosciuti sui conti correnti, passati dallo 0,36% allo 0,35 per cento.

CALANO I SOLDI SUL CONTO -
Inoltre, a gennaio, sono aumentati le richieste di prestito bancario effettuate dalle famiglie (cresciute del 5%), mentre sono diminuti i soldi sul conto corrente. Su base annua, il calo dei depositi nell'intero comparto privati - che include anche le famiglie - si è attestato all'1,7 per cento. Dal bollettino, infine, risulta che i prestiti che superano un milione di euro per le società non finanziarie hanno segnato una riduzione dal 2,56 al 2,36 per cneto. Nel complesso, per le imprese a gennaio i tassi sui nuovi finanziamenti alle imprese erogati sono calati di 10 punti base, al 2,69 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    20 Marzo 2011 - 20:08

    Signori economisti, mentre il popolo soffre cè, chi, tra di voi spende e spande come vuole perchè ha molti soldi ma, questi non bastano a fare da volano a far rimuovere le ruote dell'economia portante perchè, come ho scritto in testata, sarebbe bene aumentare le buste paga dei lavoratori e dei pensionati in modo che questi incominciano a spendere per loro e le famiglie. Più ritirate i soldi e come la benzina, che quando manca, la macchina si ferma. E' meglio avere una inflazione anche a due cifre che lo stop della grande macchina economica del benessere. Poi, cè sempre tempo per poter rimettere ordine nei cassetti ma, questo, quando le pance sono piene. Speriamo che questo governo di ballerine comprenda.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    10 Marzo 2011 - 19:07

    VIVA L'ITALIA

    Report

    Rispondi

  • dontfeedtheboss

    08 Marzo 2011 - 17:05

    del governo del fare. Debiti.

    Report

    Rispondi

  • bellanto

    08 Marzo 2011 - 15:03

    famiglie senza soldi e ricorso ai prestiti( sul vostro giornale) Istat: 30 per cento disoccupazione in Italia, penultimi in europa per occupazione femminile, salari fermi stipendi fermi, tasse alle stelle...sig. facci mi da una buona ragione perchè il sig. berlusconi continui a governare questo paese che lui non governa bene da ben 10 anni?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog