Cerca

Incentivi alla rottamazione

Bonus per elettrodomestici

Incentivi alla rottamazione
Aiuti agli elettrodomestici. La nuova frontiera dell'intervento pubblico contro la crisi economica passa dalla cucina. A dare l'annuncio è il premier Silvio Berlusconi, ai microfoni di Mattino 5: "Oltre alle auto e alla componentistica", ha annunciato Berlusconi, "il governo darà sostegno anche alla produzione di elettrodomestici che vanno nella direzione di un minor consumo di energia".

Ma il Cavaliere ne ha anche per l'opposizione: "In passato la sinistra viveva in Italia grazie ai rubli  sporchi di sangue dell’Unione Sovietica. Ora, non c'è nessuna  superiorità morale: nell’ambito della sinistra ci sono professionisti della politica che la moralità non sanno neppure dove sia di casa".
Poi, l'assicurazione che sulla giustizia si tirerà dritto: "Noi separeremo non solo le  carriere ma gli ordini. I pm, che si chiameranno avvocati dell’accusa, avranno uffici separati da quelli dei giudici. E se vorranno adire il  giudice, dovranno prenotare un appuntamento, bussare alla porta e  presentarsi, lo dico in senso figurato, con il cappello in mano, e dargli del lei".

Gli eco-incentivi per l'auto arriveranno fino a duemila euro: bonus da mille euro e niente bollo per tre anni per chi rottama la macchina. E poi sconti per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici (frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici) a chi decide di ristrutturare. Queste sarebbero alcune delle misure contenute nel pacchetto anti-crisi che venerdì approderà al Consiglio dei ministri. Del provvedimento si è discusso nel corso di un incontro a Palazzo Grazioli tra il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e i ministri Giulio Tremonti (Economia), Claudio Scajola (Attività produttive), Maurizio Sacconi (Welfare), Stefania Prestigiacomo (Ambiente), Roberto Calderoli (Riforme) e Raffaele Fitto (Affari regionali), oltre al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta.


Elettrodomestici - Tra le misure allo studio del governo per rilanciare acquisti e produzione ci sarebbe anche una detrazione Irpef del 20% per chi acquista mobili ed elettrodomestici. Lo sconto avrebbe un tetto di 10.000 euro e sarebbe valido per gli acquisti fatti entro settembre 2009.

Auto - Incentivo da 1.000 euro per l'acquisto di una vettura Euro 4 o Euro e per la rottamazione di una vecchia vettura Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 che abbia almeno 10 anni; a queste andrebbe anche aggiunta l’esenzione del bollo auto per tre anni.

Bonus verde - Per le vetture ecologiche (a metano, gpl, elettriche o a idrogeno) il bonus dagli attuali 1500 euro passerebbe a 2.000. Trecento gli euro-incentivi per l'acquisto di un motociclo o un ciclomotore Euro 3, con la rottamazione di un Euro 0 o Euro 1. L'esenzione del bollo sarebbe di  un anno.

Suv - Nel decreto non è prevista alcuna penalizzazione fiscale per l'immatricolazione di auto di lusso ad alto impatto ambientale. Tramontata dunque l’ipotesi di una sovrattassa sui Suv.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • swiller

    05 Febbraio 2009 - 11:11

    Lo stato non aiuta la piccola e media impresa che è l'asse portante dell' economia del paese, ma sempre la grande industria che produce solo disastri. Veramente inconcepibile.

    Report

    Rispondi

blog