Cerca

Crac Parmalat: banche straniere tutte assolte

Milano, verdetto a sorpresa. Nessuna irregolarità da parte di Morgan, BofA, Deutsche Bank e Citigroup e dei sei dipendenti coinvolti

23
Crac Parmalat: banche straniere tutte assolte
Sono state assolte tutte e quattro le banche estere coinvolte nel processo Parmalat - Morgan Stanley, Bank of America, Deutsche Bank e Citigroup - imputate della violazione dell'articolo 231 per responsabilità nelle irregolarità commesse dai propri dipendenti. I giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano hanno assolto tutti e sei i funzionari toccati dall'inchiesta sul crac del gruppo di Collecchio, accusati di aggiotaggio. La formula con cui sono stati assolti in funzionari è quella di "non aver commesso il fatto", oppure che "il fatto non sussiste". Dopo la lettura del verdetto, gli avvocati della difesa si sono lasciati andare a momenti di gioia, abbracciandosi per un verdetto che hanno definito "a sorpresa".

I SEI ASSOLTI - Le sei persone fisiche assolte dal Tribunale di Milano - in conseguenza della loro assoluzione sono stati scagionati anche gli istituti -  sono Carlo Pagliani e Paolo Basso di Morgan Stanley, Marco Pracca e Tommaso Zibordi di Deutsche Bank, Paolo Botta di Citigroup e Giaime Cardi di Credit Suisse. Per quest’ultimo l’accusa aveva chiesto la prescrizione ma per lui, come per gli altri manager, i giudici hanno ritenuto di emettere un verdetto di assoluzione piena.

L'ACCUSA - Al termine della requisitoria dello scorso 17 gennaio, la procura aveva chiesto la condanna degli istituti di credito a una sanzione di 900mila euro ciascuno e la confisca dei profitti che erano ritenuti illeciti. Nel dettaglio, si trattava di 14 milioni di euro per Deutsche Bank, 70 milioni per Citigroup, 30 milioni e 705mila euro per BofA e 5,9 milioni per Morgan Stanley. Nel corso delle arringhe difensive, i legali delle banche avevano definito le accuse infondate, insistendo sulla correttezza dell'operato degli istituti, che erano stati chiamati a rispondere del reato di aggiotaggio per la responsabilità amministrativa nei confronti delle condotte illecite dei propri funzionari.

SODDISFAZIONE DEGLI ISTITUTI - "Bank of America - ha subito commentato l'istituto - esprime la propria soddisfazione per l'ulteriore assoluzione emessa dal tribunale di Milano per il reato di aggiotaggio. Come è emerso nel dibattimento - comunica il gruppo statunitense - non solo il reato non sussisteva, ma Bnak of America disponeva di modelli organizzativi idonei". Dello stesso registro i commenti che sono arrivati da Citigroup: "La sentenza del Tribunale di Milano conferma inequivocabilmente che Citi e i propri collaboratori non ebbero alcun ruolo nella perpetrazione della più significativa bancarotta fraudolenta della storia italiana".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bisnonna!

    19 Aprile 2011 - 19:07

    Da persona " comune " io la penso come Lei. C'è un articolo interessante : Perchè nessuno parla degli strumenti di finanza derivata nello scandalo Parmalat? E' piuttosto illuminante.

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    19 Aprile 2011 - 19:07

    Sarà un caso? Le banche citate nell'articolo appartengono ai famosi 9 rappresentatnti dell'Ice Trust di cui parla Ruggeri.

    Report

    Rispondi

  • beylerbey

    19 Aprile 2011 - 18:06

    Ok. facciamo pure la distinzione fra le banche italiane e quelle straniere, se preferisci ma...tu ci credi veramente che costoro non hanno venduto ai privati? Sapevano perfettamente che Parmalat era cotta e stracotta, come lo sapevano TUTTI quelli che lavoravano per Parmalat (l'indotto, per intenderci), che incassavano le fattura ad 1 anno -quando andava bene- e le banche straniere ne erano all'oscuro!!!! Ma dai, non offendere la tua e la mia intelligenza!!! Ma se gli stessi avvocati difensori sono rimasti a bocca aperta per l'assoluzione, ma che film stanno proiettando, l'alba del giorno dopo? Ribadisco: Tanzi in galera? Bene, ma con lui TUTTA la "nomenclatura" delle banche, italiane e straniera, non fa differenza. Quando c'è stato da "spargere" m.e.r.d.a sui mercati, non si sono certamente tirate indietro. Le barzellette ce le raccontiamo al bar, con l'aperitivo. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media