Cerca

Fiat, che botta: immatricolazioni a -20% a marzo

Pesante flessione per il Lingotto rispetto al 2010: fa la differenza la mancanza di euro-incentivi. Bene solo in Germania e Olanda

8
Fiat, che botta: immatricolazioni a -20% a marzo
Marzo nero per il Lingotto. Fiat Group Automobiles ha chiuso il mese con un calo delle immatricolazioni in Europa del 20% rispetto al 2010: circa 107mila immatricolazioni e con una quota del 6,7% rispetto al 7,9 di un anno fa. Una flessione, dicono a Mirafiori, principalmente dovuto al fatto che nel 2010 il Lingotto beneficiava in maniera molto evidente, e per l'ultimo mese in Italia, degli eco-incentivi attuati da numerose nazioni europee. Un altro motivo del calo sono le forti perdite nelle vendite registrate da alcuni mercati, Italia e Spagna principalmente, in cui la presenza di Fiat Group Automobiles è particolarmente forte.
I risultati positivi per il gruppo Fiat arrivano dalla Germania, dove i volumi crescono del 9,2% per una quota stabile al 2,9% e soprattutto da alcuni mercati minori, con valori decisamente significativi. In Olanda Fiat Group Automobiles registra un +85,9% in un mercato che cresce del 25,5% e ottiene una quota del 9%, rispetto al 6 di un anno fa. Nel primo trimestre del 2011 Fiat Group Automobiles ha immatricolato 264mila vetture, il 19% in meno rispetto allo stesso periodo del 2010 per una quota del 7,2%, - 1,5 punti percentuali. Per quel che riguarda i marchi, dicono sempre da Mirafiori, è quello Fiat ad essere maggiormente condizionato nelle vendite per la mancanza di incentivi alla rottamazione nei principali mercati europei. A marzo il brand ha immatricolato quasi 80mila vetture, il 27,3% in meno rispetto a un anno fa, ottenendo una quota del 5%, in calo di 1,5 punti percentuali mentre il trimestre chiude con il 25,6% in meno rispetto allo stesso perido del 2010. Anche la quota è in calo del 1,7% attestandosi al 5,3%. Anche per il marchio Fiat le crescite più significative arrivano dai mercati minori: in Olanda il marchio è cresciuto dell'89,2% (per una quota dell'8,1 per cento rispetto al 5,4 per cento dell'anno scorso), in Svezia l'aumento è stato del 125,9% e la quota dell'1,5%, pari a 0,7 punti percentuali in più.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gitex

    23 Aprile 2011 - 15:03

    c'è da chiederai come fa. tirare avanti con Panda, 5oo e GPunto; e un pò di Bravo. Quest'ultima, secondo marchionne, avrebbe dovute essere prodotta in 120.000 u ità mentre si è fermata a 40.000..... jNon parliamo di AR e Lancia.......

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    20 Aprile 2011 - 20:08

    Io avevo una fiat brava, la peggior macchina che abbia mai posseduto. I freni difettosi che non frenavano in certe situazioni mi hanno causato due incidenti di cui uno finale, cioè ho distrutto la mia fiat contro un mercedes che si è appena graffiato. Gli interni erano di qualità scadente e i gadget tendevano a rompersi con facilità. Non credo sia cambiata molto la situazione. Oggi ho una clio che non è nemmeno lontanamente paragonabile con quello scassone fiat che avevo. Gli italiani non sono nazionalisti sui consumi e cercano sempre il meglio che il mercato può offrire.

    Report

    Rispondi

  • PartitoDemagogico

    20 Aprile 2011 - 16:04

    Non si potranno sempre vendere auto, non puo' essere sempre pieni di auto nuove in circolazione. Fate case alle nuove targhe e ditemi poi che senso ha dire che "c'e' la crisi c'e'' la crisi". Poi se le vendite all'estero vanno bene significa che i prodotti sono buoni, solo in questo paese di mentecatti esterofili si crede il contrario.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media