Cerca

Fiat, nel trimestre i ricavi crescono del 7,1%

Buona performance del Lingotto dopo la scissione. Tirano marchi di Lusso e Sportivi. Cala indebitamento industriale

Fiat, nel trimestre i ricavi crescono del 7,1%
Fiat chiude il primo trimestre dopo la scissione con un utile della gestione ordinaria pari a 251 milioni di euro (erano 230 nel primo trimestre 2010) grazie alla buona performance dei marchi di Lusso e Sportivi di Magneti Marelli, la cui crescita è in doppia cifra.

Nel dettaglio, i ricavi del gruppo sono aumentati del 7,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, assestandosi a 9,2 miliardi di euro: la crescita si è registrata in tutti i settori. Il risultato netto è di 37 milioni, mentre l'indebitamento netto industriale, riferiscono da Mirafiori, è stato ridotto a 489 milioni di euro rispetto ai 54 milioni di fine 2010.

In particolare, Fiat Group Automobiles (Fga) ha registrato ricavi pari a 7 miliardi di euro, con un totale di 518.600 vetture e veicoli commerciali leggeri consegnati. La quota di mercato delle autovetture è diminuita in Europa di 1,5 punti percentuali: pesa in particolare la decrescita, pari al 2,4%, registrata in italia rispetto al 2010.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cesare Infedele

    20 Aprile 2011 - 14:02

    Aumentano i profitti ma calano le vendite. L'Italia è il solo produttore di automobili dove gli abitanti non comperano le "nazionali". Vai in Germania vedi tutte auto tedesche; idem in Francia; in Belgio è diventato una colonia "automobilistica" franco-tedesca-nipponica; idem l'Olanda; l'Italia invece è diventata una colonia "automobilistica" dei produttori mondiali. Non ci capisco più niente. Poi leggendo i blog e parlando con conoscenti si nota che tutte le auto prodotte nel mondo sono" fantastiche", "consumano poco" ecc ecc e giù lodi. Al contrario quelle di marca italiane: vanno così così, a mia moglie non piace, costano troppo...ma chissà, l'erba del vicino diventa sempre più verde.Viva il made in Italy: sempre.

    Report

    Rispondi

blog