Cerca

1° maggio, alla Cgil bastano 30 milioni per i negozi aperti?

Giro d'affari stimato dall'Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza. Ma la Camusso dice no

1° maggio, alla Cgil bastano 30 milioni per i negozi aperti?
Primo maggio, Festa dei lavoratori e al tempo stesso una domenica che potrebbe valere, tra shopping e indotto diffuso, quasi 30 milioni di euro. Questo il giro d’affari stimato dall’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza, se nel giorno festivo restassero aperti i negozi nei soli centri storici di Milano e Monza, Firenze e Torino. Cifre che, da sole, sarebbero sufficienti per far tacere la Cgil e la segretaria Susanna Camusso, che si è scagliata contro la proposta di tenere gli esercizi aperti il primo maggio.

MILANO, ROMA E FIRENZE -
Martedì 26 aprile, l'assessore alle Attività Produttive del Comune di Milano, Giovanni Terzi, ha firmato la richiesta di deroga dall'obbligo di chiusura degli esercizi, accogliendo le richieste di Confocmmercio e Unione Artigiani. A Roma, il Sindaco Gianni Alemanno ha previsto la possibilità di apertura per i negozi del centro storico e delle zone adiacenti. Matteo Renzi, primo cittadino di Firenze, ha autorizzato l'apertura degli esercizi nel centro storico del capoluogo toscano.

LE CIFRE - Anche se gli incassi della domenica restano in media inferiori a quelli del sabato, considerato lo "shopping day" per antonomasia, l’apertura dei negozi per il Primo maggio potrebbe valere per Milano e Monza più di 20 milioni di Euro per lo shopping e quasi 4 milioni di Euro per l’indotto generato da bar e ristoranti. Secondo quanto emerge da una stima dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese, Ulisse, Istat, la città di Torino, con i negozi del centro storico aperti la prossima festività, potrebbe beneficiare di circa 2,5 milioni di Euro (distribuiti in oltre 2 milioni di euro per gli acquisti e quasi 400mila Euro di indotto diffuso) e Firenze di 2,2 milioni di Euro (rispettivamente 1,8 milioni di Euro e 340mila Euro).



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    10 Maggio 2011 - 14:02

    Costei è un caso patologico e non un responsabile sindacale come capo della CGIL.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    03 Maggio 2011 - 19:07

    perchè i bar, i ristoranti eccetera restano aperti ? Non è che la gente muore di sete e di fame se anche questi chiudono ! La bella (si fa per dire) camusso non si dispiace se questi lavoratori non possono festeggiare la sacralità del primo maggio ?

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    03 Maggio 2011 - 17:05

    Non c'è maggior ceffo sinistro che più osceno sia tale se un bottino come la Camusso nel rosso sindacato al primo posto sale.

    Report

    Rispondi

  • Quartogiuseppe

    02 Maggio 2011 - 16:04

    Resta inconprensibile che i sindacati siano contrari a maggior lavoro per maggior guadagno. Pensano di essere nel paese di bengodi dove i soldi nascono sugli alberi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog