Cerca

Tremonti: "Il Sud non spende fondi. E' ora di cambiare"

Belpietro parla col ministro: "Nuovi amministratori sono su buona strada. Di fronte a crisi Italia ha tenuto botta"

Tremonti: "Il Sud non spende fondi. E' ora di cambiare"
Dopo le certificazioni positive che sono arrivate dal Fondo Monetario internazionale e dall'Ocse crecse l'ottimismo per i conti pubblici italiani. Il bilancio dello Stato è al centro del colloquio tra il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, e il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti. L'intervista è stata trasmessa ne La Telefonata di Mattino 5.

Il Fondo monetario e l'Ocse dicono che i conti pubblici sono solidi. E' un primo buon risultato dopo mesi di preoccupazione?


Devo dire che anche l'opposizione lo riconosce. Io vorrei dire che non sono solo i conti pubblici. Quello che in questi tre anni ha fatto il governo Berlusconi non è solo tenere in ordine i conti pubblici, ma il bilancio dello Stato, della Repubblica italiana. Nel bilancio pubblico ci sono i vizi e le virtù dei popoli. Tenendolo, noi abbiamo tenuto e garantito il risparmio delle famiglie, la tenuta e la coesione sociale, abbiamo tenuto aperto il canale di finanziamento alle imprese. Questo ormai è il quarto anno della crisi: si parlava di caduta e rottura sociale. Non è stato così. Il Paese ha tenuto nel suo insieme. Certo, ci sono famiglie, aziende e  settori che hanno sentito i colpi della crisi, ma nell'insieme l'Italia ha tenuto. E' merito degli italiani, dei lavoratori, degli imprenditori. Deriva da come siamo fatti: abbiamo l'Inps ma anche la famiglia. Nell'insieme il Paese ha tenuto, e questo in una crisi che non ha corrispondenti dalla fine della guerra.

Il direttore del Fondo monetario riconosce che la crescita è solida, e comunque parla di crescita. L'Italia cresce lentamente ma cresce. Questo significa che siamo fuori dal tunnel?

La crisi per me è come un mutante. Lo ho sempre detto, è come un videogame: arriva un mostro e lo mangi, e poi ne arriva un altro più grande di quello prima. Noi sappiamo cosa dobbiamo fare, poi vediamo come si sviluppano le cose nel mondo. Non dipende più da un governo solo o un Paese solo. L'Italia ha dei numeri di crescita, certo andiamo meno forte della Germania, che però cinque anni fa andava meno forte dell'Italia. Rispetto a inghilterra e Francia, i nostri ritmi di crescita sono più o meno uguali. Dicono di no i nostri detrattori, non del governo ma dell'Italia, ma i numeri sono più o meno tutti allineati. La particolarità dell'Italia è fatto da un tasso di evasione altissimo: il Paese tiene, ma tiene anche dal lato sbagliato dell'illegalità e dobbiamo ridurla. Inoltre, in tutta Europa, siamo l'unico Paese duale: il nord è la regione più ricca d'Europa, il sud ha degli enormi problemi.

Lei ieri è stato nel Mezzogiorno, ha fatto un viaggio da Lamezia Terme a Reggio Calabria. Ma la Banca del Sud servirà a cambiare qualcosa?


Io ho fatto il viaggio in treno tanto per capire di nuovo, e qualcosa stanno facendo. Il fatto è che da Milano a Roma vai in tre ore, da Reggio Calabria a Roma ci metti il doppio: non è giusto. Noi dobbiamo reinvestire sulle ferrovie, e qualcosa sta venendo fuori. I collegamenti mancano. La Banca del Mezzogiorno è stata appena autorizzata, e il mio sogno è che sia una grande banca per il piccolo credito, non deve fare alta finanza, per quello ci sono altri istituti. Questa deve fare il piccolo finanziamento a uno che deve ampliare la pizzeria, che vuole cambiare il frigorifero del suo negozio: il piccolo credito è fondamentale per tutte le economie. Il Mezzogiorno deve crescere, e non esiste una ricetta per tutta Italia: ci vuole una ricetta per il Sud. Il vero problema è che non mancano i soldi, ma che non vengono spesi. I fondi vanno da Roma a Bruxelles, ne trattiene una quota, poi vanno al Sud che non li spende e poi vengono mandati in altri Paesi. E' inaccettabile. Il tasso di utilizzo, se va bene, è del 10-20 per cento. Ci sono regioni che arrivano a malapena al 4 per cento. Questo non è accettabile. Quello che dobbiamo fare è usare i soldi che abbiamo, ma dobbiamo usarli davvero, e non dire che non ci sono e chiederne ancora di più.

Ma si possono sanzionare gli amministratori che non li usano?

La prima sanzione è il voto, mandarli a casa. I giovani, i nuovi governatori stanno facendo molto. Io sono andato in Calabira, ieri, e mi hanno fatto vedere che stanno iniziando i bilanci della sanità della regione. Prima non avevano nemmeno i bilanci. Credo che qualcosa si stia muovendo, ma non si può fare tutto in un giorno: si deve cominciare e continuare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • max-na

    09 Luglio 2011 - 17:05

    Quando leggo che Tremonti ha intenzione di istituire una banca del sud,con le finalità desritte,,conferma che manca ancora la volontà politica, per lo sviluppo del sud.Vogliamo renderci conto una buona volta,che al sud per poter decollare occorrono le infrastrutture?cosi come furono create per lo sviluppo industriale del nord?analizzate le tre grandi linee di commercio.Su gomma-su rotaie e via aerea.Su gomma l'autostrada che doveva servire l'Italia,parte da Milano e termina a Napoli.Milano si collega ulteriormente con le città del triangolo industriale,con la serenissima etc-E' stata realizzata la TAV per l'Italia settentrionale,perchè la stessa termina a Napoli.Da Napoli in giu viè ancora la TBV( trasporti a bassa velocità,anzi vi è addirittura un solo binario.Aerea.Milano ha due aeroporti internazionali,oltre quelli limitrofi-Roma ha due aereoporti intercontinentali.Napoli ha un solo aeroporto non internaz.In queste condizioni,fare impresa al sud,caro ministro è impossibile.

    Report

    Rispondi

  • Lupetto99

    14 Maggio 2011 - 17:05

    Il problema è che i progetti di sviluppo devono essere amministrati da Roma. Ci sono decine di progetti di dighe in Calabria che potrebbero mettere la parola fine alla penuria d' acqua, c' era il raddoppio e l' ammodernamento del porto di Gioia Tauro che poteva diventare il principale porto del Mediterraneo, c' erano le ferrovie da riprogettare, chi non ha fatto nulla in questi anni? I progetti sono tutti fermi nei vari ministeri romani che bloccano tutto e non permettono lo sviluppo di quelle zone. La politica preferisce pagare i voti alla mafia piuttosto che sudarseli con la gestione oculata della cosa pubblica.

    Report

    Rispondi

  • rocco46

    13 Maggio 2011 - 17:05

    Sono anni che nelle varie discussioni, io personalmete, insinuo che la burocrazia in CALABRIA, blocca sempre tutto anche le cose che altrove si risolvono per telefono con semplici deduzioni ( i sig. Ministro che è stato In calabria se ne sarà reso conto di sicuro ). Es. sa per sua conoscenza se no si informi che dall'aereoporto di Lamezia raggiungere - LA FAMOSA Locride - (dove si sequestrano alla n'drangheta milioni di euro- non esiste collegamento alla partenza e all'arrivo dei voli ? con le più importanti CITTA' ( Roma- MilaNO- ECC... ) STESSA COSA PER I COLLEGAMENTI CON IL TRENO CHE PER COMODITA' BISOGNA ANDARE A ROSARNO SE VA BENE SE NO A LAMEZIA O REGGIO CALABRIA A MENO CHE NON SI RISCHIA DI VIAGGIARE CON LE LINEE DI PULMAN PER LA PRECISIONE UNA SOLA DITTA O QUELLO O SE NO A piedi.......................

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    13 Maggio 2011 - 11:11

    Se il Sud appartenesse alla Bielorussia,la mafia,camorra,ndrangheta e soci,non esisterebbero,cosi' pure i "governatori" incapaci. Sono passati 20 anni dalla riunificazione tedesca,prima l'ex Germania Est,era piu' povera della Calabria,adesso non c'è differenza tra la parte Ovest e quella Est della Germania...In Italia dopo 150 anni di unita',il Sud,è sempre piu' povero....evidentemente la mafia serve al potere !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog