Cerca

Pil italiano giù dello 0,9%

Estonia sull'orlo del crac

Pil italiano giù dello 0,9%
 Non stavamo messi così male dal 1993. Il Pil italiano, secondo le stime dell'Istat, nel 2008 è sceso dello 0,9%, facendo segnare il dato peggiore da quindici anni a questa parte. Il calo sul quarto trimestre dell'anno passato è pari a -2,6% Per il 2009, in forza dell'effetto traino, è previsto un calo del prodotto lordo dell'18%.
Di consolante c'è che gli altri stanno peggio. Come l'Estonia, che oggi ha fatto segnare un terrificante -9,8% nel quarto trimestre: trascinato a fondo dal crollo della domanda interna e dalla flessione della produzione industriale, il Pil estone fa segnare il secondo peggior risultato trimestrale dell'Europa a 27.
Naviga in pessime acque anche la Germania, che per gli ultimi tre mesi del 2008 ha evidenziato un crollo del Pil pari al 2,1%: il maggior calo dalla riunificazione del 1990. E se il tempo della locomotiva d'Europa fosse tramontato?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    17 Febbraio 2009 - 11:11

    tremonti ed i suoi tecnicni sanno cosa fare, ma per motivi politici e di equilibri non lo possono dire pubblicamente. Ci vorrebbero una domanda del lavoro elastica, riduzione della CIG a carico dello Stato, riduzione dei costi per la disoccupazione, maggior controllo tributario, incasare magari soldi dal sommerso tipo mafia e sommerso. con tutte queste wentrate e soldi risparmiati si possono ridurre le imposte sui consumi e far ripartire la domanda. oppure obbligare a ridurre i prezzi di vendita, ergo deflazione l'italia vale meno ma ha moneta che circola. Invogliare ad espandere le imprese italiane all'estero e ridurre la mano d'opera in italia, obbligare gli italiani a prendere i lavori degli estracomunitari magari con salari migliori. In sintesi cambaire la testa al consumatore economico ovvero impossibile, almeno che la crisi non diventi come il dopoguerra.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    13 Febbraio 2009 - 20:08

    Il dato del prodotto interno lordo pone in evidenza, in termini drammatici, la situazione economica difficile. E' ora che il governo si muova con misure più adeguate, perchè le cfrre annunciate, putroppo, non trovano poi la confrema concreta, accampado l'imperare della burocrazia, che nessuno, però, cerca di modificare davvero. La Germania sta peggio di noi in termini di risultato del prodotto lordo, ma il metalmeccanico tedesco ha la paga doppia di quello italiano, a parità di costo della vita. Allora bisogna agire e non discettare sul sesso degli angeli. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

  • valeria78

    13 Febbraio 2009 - 17:05

    Ma è possibile che Tremonti non azzecchi mai una previsione sull'andamento dell'economia? Giorni fa, diceva che fare previsioni in economia è tevva incognita un po' come fare gli oroscopi. Però gli altri ci azzeccano, chissà come mai. Non sarà che gli altri sono capaci a fare i conti e lui no?Dai dati che si leggono su tutti i giornali mi pare di capire che siamo allo sbando il peggiore da 15 anni ma cosa fa il premier e tremonti perdono tempo sulla modifica della costituzione , caso Englaro ( una vergogna ) per leggi a personam togliere le intercettazioni telefoniche cosi sono liberi di fare ancor più PORCATE svegliatevi fans ci stanno portando nella m...a fino agli occhi mentre nel resto d'EUROPA gli altri premier cercano di salvare il salvabile ,mi dispiace per tutti quelli che rimarranno senza lavoro da adesso a fine anno ma la faccenda è molto seria ma questi dementi non la vogliono capire speriamo in bene e nell EUROPA CHE CI DIA UNA MANO A FERMARE BERLUSCONI E TUTTO IL SUO GREGGIE.

    Report

    Rispondi

blog