Cerca

Paolo Berlusconi rinviato a giudizio: caso Unipol-Bnl

La vicenda sulla telefonata tra Fassino e Consorte: "Abbiamo una banca". Tre i capi d'accusa contestati

Paolo Berlusconi rinviato a giudizio: caso Unipol-Bnl
Paolo Berlusconi è stato rinviato a giudizio dal Gup di Milano, Stefania Donadeo, con le accuse di ricettazione, millantato credito e concorso in rivelazione del segreto d’ufficio. La vicenda riguarda la pubblicazione dell’intercettazione fra Piero Fassino e Giovanni Consorte in cui l’ex segretario dei Ds, relativamente all’acquisizione di Bnl, chiedeva: "Abbiamo una banca?". Il processo inizierà il 4 ottobre, alla quarta sezione del Tribunale di Milano.

IL LEGALE - “Noi serenamente ritenevamo che ci fossero gli elementi e le condizioni per una sentenza di non luogo a procedere. Adesso sosterremo le nostre ragioni in dibattimento”. Così Federico Cecconi, uno dei legali di Paolo Berlusconi, ha commentato il rinvio a giudizio del fratello del premier, deciso venerdì dal gup Stefania Donadeo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uomo-qualunque

    05 Giugno 2011 - 14:02

    Quante intercettazione sono uscite dagli uffici dei giudici che indagano su Berlusconi? se qualcuno legge Repubblica o Il Fatto quotidiano, me lo puo dire? Quante indagini si sono fatte al riguardo? quante hanno hanno trovato colpevoli o indiziati di tali soffiate? (NESSUNA). Ma adesso veniamo a capire che se le intercettazioni sono a danno della sinistra (Fassino-Consorte) la legge si APPLICA a chi le pubblica. Andiamo alle indagini contro la sinistra, sapete di qualche giudice che abbia avuto problemi per aver proceduto in quel senso? Io ne conosco una, la giudice Forleo, perse il suo lavoro dopo la richiesta di conservare intercettazioni contro D'Alema. Per contro sulle cause tentate contro Berlusconi e che sono divenuti un flop, tipo la comunicazione per mafia al famoso meeting di Napoli sulla criminalità organizzata, sapete di UN SOLO giudice che sia stato punito? io non ne conosco nessuno. Ma non è la SX che chiede la legge = per tutti? La statistica non è un'opinione.

    Report

    Rispondi

  • giannipa

    05 Giugno 2011 - 13:01

    Se a divulgare notizie e intercettazioni è un elemento di sinistra, quella è libertà di stampa e diritto di cronaca. Se a divulgarla è un elemento di destra è reato da galera; se poi chi lo fà porta il cognome Berlusconi allora dobbiamo aggiungere l'aggravente che potrebbe portare all'ergastolo.

    Report

    Rispondi

  • mauricchio

    05 Giugno 2011 - 10:10

    Il suo errore è stato quello di non passare l'informazione anche a Rai3 o Repubblica o l?Unità: ne sarebbe uscito indenne! Viva l'informazione LIBERA (?).

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Giugno 2011 - 17:05

    Se felice perchè ne beccano uno su mille e non ti chiedi perchè non beccano gli altri 999 ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog