Cerca

I G7 si ritrovano a Roma

"Pronti a tutto contro la crisi"

I G7 si ritrovano a Roma
Massimo impegno per la crescita, l'occupazione ed evitare misure protezionistiche: sono questi i messaggi fondamentali contenuti nel comunicato finale del G7 finanziario, riunitosi a Roma in un contesto di “grave rallentamento” dell'economia che “persisterà per buona parte del 2009” e che ha già causato “significative perdite di posti di lavoro”.
Il G7 si impegna “ad utilizzare ogni strumento” che riterrà “necessario per ristabilire la piena fiducia nel sistema globale finanziario”. I ministri finanziari del G7 hanno assicurato di “preparare, d'intesa con gli altri Paesi, un rapporto sullo sviluppo di accordi che prevedano principi comuni e standard sulle priorità, l'integrità e la trasparenza dell'attività economica e finanziaria internazionale'”.
Tra le cause della crisi attuale c’è “un deficit di regole”. Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha spiegato che, nel corso della riunione, si è concordato che “serve un quadro di regole diverso da quello che ha portato, per assenza o insufficienza, alla crisi”. “La novità emersa in questo G7 sta nel progressivo e generale consenso che per uscire dalla crisi è necessario un quadro di regole che non devono essere limitate al settore finanziario ma vanno estese a molte altre aree – ha sottolineato in conferenza stampa -. Un nuovo ordine mondiale è l'obiettivo cui mirare”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    15 Febbraio 2009 - 13:01

    La situazione economica è difficile, ma i sapientoni del G7 non pare dimostrino concretezza sull'agire. Adesso viene annunciato che la risposta sarà rapida e vigorosa, senza cedere a tentazioni protezionistiche, ma mi sembra un linguaggio piuttosto astruso. La discettazione sui temi economici comporta poi i provvedimenti da adottare, ma in Italia c'è l'impressione di navigazione a vista, senza un piano concreto per arginare la situazione. Si parla di miliardi, ma sembra che esistano solo sulla carta. Mi auguro che alle parole seguano i fatti. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog