Cerca

Tremonti tira fuori le unghie: "Riforma? E' già pronta"

Il ministro a Maroni: "Io ho coraggio, dobbiamo mettere a punto i meccanismi finanziari per trovare 80 mld. Se no chi paga?"

Tremonti tira fuori le unghie: "Riforma? E' già pronta"
Giulio Tremonti raccoglie la sfida di Maroni. Il ministro dell'Economia, cui il capo del Viminale ha chiesto più coraggio nel mettere a punto al riforma fiscale, accelerà e annuncia che entro il 18 giugno saranno resi noti i relativi studi. Riforma in vista, dunque, ma prima bisogna definire i "meccanismi finanziari" per reperire quegli 80 miliardi necessari a coprire i costi del debito pubblico italiano. Dal palco della Festa della Cisl di Levico Terme, proprio dove sabato Maroni aveva invocato un cambio di marcia, Tremonti si è detto "non tormentato": "Ci sono cose in cui dimostri più coraggio se le dici rispetto a se le taci", ha spiegato alla platea di sindacalisti. "Non si può andare al bar - ha avvertito - a dire 'da bere per tutti' e alla domanda 'chi paga?' rispondere 'pagate vo'". "Sono tentato di dire - ha proseguito il ministro - vi faccio la riforma e voi mi trovate 80 miliardi". Una auto-difesa, quella del "ragioniere", perché "tendere verso il pareggio di bilancio è saggio, avendo il terzo o quarto debito del mondo". "Tenere i conti in ordine - ha continuato - in italiano vuol dire tenere il bilancio dello stato e noi abbiamo tenuto il bilancio in una crisi drammatica, abbiamo tenuto il risparmio delle famiglie e la coesione sociale, un qualche coraggio credo che il governo lo abbia dimostrato". Nessuna marcia indietro, dunque, su quanto detto già sabato davanti ai Giovani della Confindustria. Respinta al mittente (leghista) anche l'accusa di essere troppo dipendente dall'Europa: "Abbiamo il terzo-quarto debito pubblico al mondo - gli ha replicato il superministro - dobbiamo seguire un percorso di rientro sul deficit non per vincolo europeo, perché l'Europa non è solo una convention di burocrati, ma se hai una moneta comune hai anche una reponsabilità comune". La soluzione per una riforma vera? "Recupero dell'evasione" piuttosto che un inasprimento dell'Iva, che si potrà prendere in considerazione solo "in tempi e con andamenti diversi" per evitare "una tendenza all'aumento dei prezzi". Il recupero del mancato gettito è invece "un enorme serbatoio, si è visto quello che ha dato, credo che possa ancora dare molto". I 35 miliardi recuperati nel 2010 hanno consentito "di mettere in sicurezza il sistema dell'assistenza e della previdenza sociale«, tanto che »ora si può pensare a un dividendo da evasione fiscale per i lavoratori e i giovani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    15 Giugno 2011 - 15:03

    Li puo' chiedere chi non sta alla base delle condizioni che impongono tale comportamento. Ad ogni buon conto mi pare equità che ci si rivolga prima di tutto ai piu' abbienti e non si tiri fuori l'orrenda scusa che se lo si fa, quelli evadono. Evasi non di giorno, e-vasi da notte. Altrimenti dovremmo concludere che il nostro é uno Stato e governo canaglia. Inv ece le voci che mette in giro Tremonti sono per aliquote piu' elevate per scaglioni piu' vasti. Ha fatto i conti, il Ministro e ha visto che i contribuenti sono quasi tutti in basso e nel medio basso e allora, bastoniamoli per incassare di piu'. Il 75% dell'IRPEF é da dipendenti e pensionati. Tutto dire... Ma detassare gli alti redditi é la contropartita al Premier e allora tutto é chiaro: se ne vadano entrambi e lascino le macerie che hanno creato.

    Report

    Rispondi

  • nehopienele

    14 Giugno 2011 - 01:01

    romano_1939 e angelo196 mi avete tolto le parole... Un bel VERO referendum per : -non piu' di 200 parlamentari -servono 2 camere ? -via tutti i privilegi -via le auto blu(con autisti e blindature) -via le province -processi in unica fase e non in 3 -ma tutte le denunce di "incompiute" di striscia.. qualcuno ha pagato i danni ?? E vedrete come le casse dello Stato si rimpingueranno e le tasse per i cittadini (onesti) potrebbero essere dimezzate! Roby

    Report

    Rispondi

  • libero

    13 Giugno 2011 - 21:09

    L'unica evasione possibile e' quella dalla galera di uno stato ladro e canaglia come questo.

    Report

    Rispondi

  • libero

    13 Giugno 2011 - 21:09

    Vorresti spiegarmi cosa significa''perche' i contribuenti possano capire i sacrifici prossimi e futuri da affrontare''?cioe' altri sacrifici ovvero altre tasse sul nostro groppone?E' la frustata tremontiano leghista per il rilancio dell'economia?.......................

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog