Cerca

Bce, Sarkozy: "Due italiani? Soluzione non europea"

Il presidente francese dalla Merkel per parlare di Europa e Grecia. Rimane il nodo di Draghi e Bini Smaghi nel direttivo

Bce, Sarkozy: "Due italiani? Soluzione non europea"
 "Due italiani nel board della Bce non sarebbe una soluzione europea". Così il presidente della Francia, Nicolas Sarkozy, nel corso della conferenza stampa al termine del bilaterale con il cancelliere tedesco, Angela Merkel, sul salvataggio della Grecia. Secondo Sarkozy "la Francia è un grande Paese e come tale deve essere nel comitato esecutivo". Rimane, dunque, il nodo della nomina alla presidenza di Mario Draghi, cui la Francia si oppone in caso di mancato addio di Bini Smaghi alla sua poltrona nel direttivo della Banca comune europea. Nonostante l'avvertimento, Sarjkozy ha assicurato che la Francia continuerà ad appoggiare la candidatura di Draghi alla presidenza, ed è "fiduciosa che l'Italia manterrà la parola data". Quella, cioè, di invitare Bini Smaghi alle dimissioni dal board.

Prestiti volontari - Il vertice bilaterale Germania-Francia a Berlino è servito anche a fare il punto sulla crisi della Grecia. Sarkozy e Merkel vedono con favore la cosiddetta 'iniziativa di Vienna'. "E' una buona premessa - ha detto la cancelliera tedesca ribadendo la necessità di evitare un default di Atene - e un importante messaggio alle banche". L'iniziativa di Vienna, adottata nel 2009 per i Paesi dell'Europa dell'Est, prevede che le banche rinnovino i prestiti evitando così l'insolvenza. La partecipazione dei creditori privati, banche e compagnie di assicurazione, ha precisato la Merkel, avverrà "su base volontaria". La Banca centrale europea parteciperà in ogni caso alla definizione del piano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucia elena

    18 Giugno 2011 - 07:07

    Gli avvelenatori d'europa.Avevo ventanni quando,studentessa a Pavia, firmai la petizione per una Europa unita. Che errore poi perseguire tale idea.Avremmo dovuto ragionare molto di più tenendo presente che inglesi,francesi e di seguito i tedeschi ci hanno sempre tradito,boicottato e insultato. Il presidente francese poi non fa altro ciò che i suoi padri hanno sempre fatto imitando napoleone, depredare gli italiani.

    Report

    Rispondi

  • libero42

    17 Giugno 2011 - 20:08

    Col piffero, risponde lui! AH;AH;AH Bello trovarsi un Villari in casa? Chi la fa l'aspetti.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    17 Giugno 2011 - 18:06

    Il presidente francese ha ragione...lo so,fa male ammetterlo,ma ha ragione. L'Italia,è in Europa perchè facciamo pena agli altri,ma in realta',come mentalita' dei nostri politici,siamo piu' simili alla Turchia o all'Iran che alla Spagna,Germania,Francia ecc...Qui' non esiste liberta' di espressione,non esistono liberta' per i gay,ne per le coppie di fatto,per la fecondazione assistita, e per questo le coppie italiane devono andare da Bolzano in su,le farmacie non vendono i preservativi agli adolescenti perchè i farmacisti "timorati di Dio" non lo consentono...potrei continuare all'infinito.Concludo ricordando il triste baciamano dei vecchiacci pedofoli di Palazzo Chigi ai talebani del Vaticancro...Se siete giovani,scappate in Europa,e sarete LIBERI !!!

    Report

    Rispondi

  • marcomanno

    17 Giugno 2011 - 16:04

    Un'Europa che ha chiaramente superato le divisioni fra stati... Chissa' se mai risuciremo a diventare una cosa sola come gli Stati Uniti d'America.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog