Cerca

E Confindustria sta con Giulio: "Priorità ai conti pubblici"

Tremonti viene attaccato da Pontida. Viale dell'Astronomia: "Maggioranza coesa sulle manovre. Pareggio di bilancio nel 2014"

E Confindustria sta con Giulio: "Priorità ai conti pubblici"
Nel giorno di Pontida, nel giorno in cui il ministro dell'Economia viene aspramente criticato da Umberto Bossi, con Giulio Tremonti si schiera Confindustria. "La maggioranza sia coesa sulla manovra", questo l'appello degli industriali. "A fronte del grave deterioramento della situazuione finanziaria internazionale, Confinfustria ribadisce che occorre la massima coesione della maggioranza e di tutte le forze politiche per dare attuazione al piano di rientro dei conti pubblici predisposto dal ministro dell?Economia". E' quanto si legge in una nota diffusa da viale dell'Astronomia.

"Mantenere fede agli impegni" -
"Il piano, che  prevede che inizi adesso un percorso verso il pareggio di bilancio nel 2014, è stato approvato dal Parlamento Italiano", ricorda Confindustria, sottolineando che anche "l'Unione Europea lo ha avvallato, con la raccomandazione che vengano corrette tempestivamente eventuali deviazioni". Per questo motivo, "è essenziale che l'Italia mantenga fede agli impegni che si è assunta nei confronti della comunità internazionale. La credibilità e l'efficacia del piano di rientro saranno tanto maggiori quanto più incisive saranno le misure per la crescita, lungo le linee già previste nel Piano Nazionale per le Riforme".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wall

    21 Giugno 2011 - 17:05

    liberalizzaci le tredicesime da quest'anno in poi e per sempre. Fiscalizza invece tutti i parlamentari ed europalamentari e tutti i dirigenti pubblici regioni province e comuni su benefict per sempre simili alla nostra tredicesima!!! che cosa ne dici ?

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    20 Giugno 2011 - 20:08

    Cari colleghi pensionati e lavoratori dipendenti, non tiriamoci su , manteniamo la posizione, altri sacrifici ci aspettano. Restiamo fermi sarà meno doloroso! Niente riforma del fisco, niente riduzione delle aliquote, niente aumento della tassazione sulle rendite finanziarie, niente interventi contro il precariato, niente vera lotta all'evasione fiscale, via anche le "ganasce", niente interventi sulla tassazione globale scaricata sulle nostre spalle, niente liberalizzazioni, nulla di nulla per fermare il caro-carburanti. Noi saremo quelli che dovranno garantire il pareggio. E non speriamo che le cose migliorino con un governo tecnico ; Marcegaglia, Montezemolo, Dalla Valle ed amici vari quali interessi potranno perseguire una volta andati al potere? Manca una vera classe di politici, solo profittatori o, peggio, ladroni. Dopo 150 di unità "questo di tanta speme oggi ci resta"!

    Report

    Rispondi

  • vaipino

    19 Giugno 2011 - 23:11

    Dopo i fallimenti su immigrazione ed economia vogliono i soldi da Tremonti per farsi un pò di propaganda. Tremonti è l'unico politico a cui affiderei i miei risparmi, a differenza degli altri conosce perfettamente le regole dell'economia e le infinite problematiche di questi ultimi anni. Se non allarga i cordoni della borsa è perchè non vuole che l'Italia faccia la fine della Grecia Spagna e Irlanda. Per trovare risorse è sufficiente seguire il programma elettorale : diminuzione dei parlamentari, abolizione delle provincie, taglio degli enti e consorzi, far pagare le tasse alle cooperative. Purtroppo tali provvedimenti sono stati pubblicizzati in campagna elettorale ma mai applicati. Altre risorse possono arrivare da tagli delle pensioni e liquidazioni d'oro, tagli dei privilegi , blocco dei sussidi agli extracomunitari ecc. Purtroppo si preferisce vessare gli Italiani piuttosto che tagliare gli innumerevoli privilegi della casta.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    19 Giugno 2011 - 21:09

    La Confindustria sta con Tremonti? Non lo so e non interessa nessuno poiché risanare i conti pubblici trova tutti d'accordo. Si puo' mai andare avanti con i conti pubblici scassati? Il fatto é che il contorno é importante. 40 o 46 miliardi, piu' qualche altro per i tagli già fatti che sono insopportabili, piu' la ricerca del pareggio di bilancio che - guarda caso - é un obiettivo dl 2014 quando Berlusconi e Tremonti saranno un lontano ricordo. Dove si trovano i soldi per la crescita, per gli interessi sul debito che costerà di piu' per il declassamento che é nell'aria anche se Moody's non lo dichiara; piu' i magg Bravo Ministro (!?)iori interessi per i tassi che crescono? Che vizio governativo e non: parlare a vuoto. Leggo la dichiarazione di Confindustria: il vuoto assoluto, menando il can per l'aia. Ma c'è Bossi che vuole spendere per spostare i Ministeri. Bravo Bossi! Bravo Ministro Bossi (!?)

    Report

    Rispondi

blog