Cerca

Clamoroso in Svizzera

Ubs leva il segreto bancario

Clamoroso in Svizzera
 Una decisione senza precedenti, che sta già sollevando un vespaio di polemiche. Favorevole l'autorità nazionale di sorveglianza, il colosso bancario Ubs - principale gruppo elvetico - fornirà i nomi di 250 suoi clienti alla giustizia americana, sebbene questi ancora non risultino colpevoli di frode o evasione. In cambio, gli Usa rinunceranno a reclamare i nomi di altri 19mila clienti.
La decisione è arrivata dopo che a banca elvetica aveva ammesso di avere aiutato alcuni facoltosi contribuenti americani a nascondere conti bancari al fisco. L’accordo con la corte federale di Fort Lauderdale, in Florida, prevede il pagamento di 780 milioni di dollari da parte dell’Ubs per chiudere il procedimento.
 Questi ultimi sviluppi intervengono , non a caso, alla vigilia della pubblicazione, da parte del Senato americano, di una lista di testimoni chiamati a comparire per fornire spiegazioni sull'affaire Ubs. Fra questi, lo stesso presidente della Banca, Peter Kurer. La decisione dunque sembra essere detttata dall’urgenza di trovare un accordo con le autorità americani prima che il numero uno di Ubs si ritrovasse indagato dalla giustizia americana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ferrmar

    23 Febbraio 2009 - 09:09

    condivido pienamente l'azione intrapresa dalla Giustizia americana che ancora una volta dimostra la propria forza nei confronti di chi non rispetta le rogole anche in campo economico-finanziario. Se sono state fatte azioni furbesche con la complicità di qualche funzionario della Banca certamente la contrapposizione del segreto non avrebbe giovato alla Banca stessa stanti le peggiori conseguenze che in futuro avrebbe dovuto sopportare. Sono convinto che la stessa cosa non sarebbe potuta avvenire con la richiesta partita dalla nostra. Tant'è che di numerosi casi nostrani sono rimasti privi di soluzione. Credo che la giustizia americana nei prossimi mesi ci insegnerà altre cose in particolare nei confronti dei depauperatori delle risorse finanziare bancarie. Della determinazione nel sanzionarie le malefatte dei gestori Enron ne è un esempio a differenza di quello nostrano. L'impunità di nostri malfattori è sconcertante, suppurtati da solerti bachieri funzionari, hanno azzerato le risorse finanziarie accumulate dalle famiglie che hanno creduto alle loro facezie e grazie a questa impunità possono ancora svolgere attività con copertura. E' indispensabile applicare anche da noi la Giustizia americana.

    Report

    Rispondi

blog