Cerca

La consueta bordata di S&P: "Rischi per crescita debole"

Standard&Poor's a poche ore dal varo della manovra torna a minacciare il taglio del rating sovrano: "Una possibilità su tre"

La consueta bordata di S&P: "Rischi per crescita debole"
Con il solito sospetto tempismo arriva la bordata dalle agenzie di rating. Questa volta è il turno di Standard & Poor's, che una manciata di minuti dopo il varo della manovra collettiva dei conti pubblici ammonisce l'Italia: "Restano sostanziali rischi per il piano di riduzione del debito principalmente a causa della debole crescita".

Taglio del rating possibile - L'agenzia ha anche fatto sapere che, nonostante le misure correttive relative al periodo 2011-2014, rimane una possibilità su tre che il rating sovrano sul nostro Paese venga tagliato. Standard & Poor's, tuttavia, ha accolto positivamente le misure mirate a contenere gli aumenti salariali nel settore pubblico e la spesa pensionistica, misure contenute nella manovra. S&P avverte, però: "Il governo rischia di essere troppo ottimista sull'efficacia delle misure contro l'evasione fiscale, e un lungo stallo politico potrebbe contribuire a far sforare anche i conti pubblici". Secondo l'agenzia, infine, "se messe in pratica, le misure per anticipare l'età del pensionamento nel 2014 anzichè nel 2015 rinforzano l'opinione che l'Italia ha passività fra le più basse in Europa legate all'invecchiamento della popolazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    08 Agosto 2011 - 13:01

    E confermo quello che scrissi. Se ci abbasano i rating é normale.La crescita: zero.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    02 Luglio 2011 - 17:05

    La mancanza di crescita significa minori entrate tributarie, quindi minori mezzi per lo Stato di far fronte alle proprie spese, comprese quelle per interessi sul deb ito pubblico che vanno ad aggiungersi al capitale, aumentandone la somma, non diminuendola. Insomma con cosa si paga, con i deficit. Questo é il nascosto motivo di trasferire competenze che comportano spese alla autonomie locali, senza la relativa copertura. La figura la fa la Regione, la Provincia, il Comune .- Non si fa politica economica ma propaganda politica : alle stelle gli aspetti favorevoli ai cittadini; racchiusi nel Vaso di Pandora le fregature agli stessi. Sono 19 anni che la musica é sempre quella. S&P é troppo buona

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    01 Luglio 2011 - 23:11

    Ad ogni critica, i berluscones cominciano a criticare 'sospetto tempismo' Se appaiono le notizie quasi definitive oggi (o ieri), é adesso che un analista puo' e deve esprimersi.- Cosa c'é di strano e di malevolo? Lo dicono tutti, da Confindustria, agli esperti economici (compreso Cazzola): manca una virgola qualsiasi sulla crescita, sviluppo, ricerca di miglioramento della produzione industriale - e di conseguenza - dell'occupazione. Ultimi posti per produzione industriale, tuttora negativa, massima disoccupazione giovanile (al sud é arrivata ad uno su due), sull'occupazione femminile, sulle infrastrutture e ammodernamenti. Come puo' rientrare dal debito ? San Gennaro spiegaglielo tu a costoro. Io non sono santo.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    01 Luglio 2011 - 19:07

    L'"erede" di Quintino Sella non l'ha neppure considerata. 'Sti americani vanno a cercare l'ago nel pagliaio!

    Report

    Rispondi

blog