Cerca

La Confindustria: "E' allarme" Pil, prevista crescita zero

Dati negativi per il terzo trimestre. Attività industriale: -0,3%. Pmi: ordini calanti per manifatturiero e terziario

La Confindustria: "E' allarme" Pil, prevista crescita zero
La Confindustria lancia l'allarme sulla crescita. A conferma di quanto paventato mercoledì dal presidente Emma Marcegaglia, la crescita sarà quasi nulla nel terzo trimestre, dopo che nel secondo si è avuto un aumento dell'1,6% della produzione industriale, concentrato nella prima parte del periodo, che ha originato una temporanea accelerazione del Pil. E' quanto emerge da Congiuntura Flash, analisi mensile del Centro studi di viale dell'Astronomia. Nell'analisi del Centro Studi Confindustria, in cui si prevede quindi che la crescita del Pil sarà quasi nulla nel terzo trimestre, per l'Italia si profilano debolezza della domanda interna, minor forza di quella estera, ripercussioni dalle violente turbolenze finanziarie globali e stretta sui conti pubblici. L'attività industriale nel terzo trimestre, in particolare, parte dal -0,3% ereditato dal secondo trimestre. Gli indicatori qualitativi sono in corale arretramento: le pmi hanno rilevato in giugno ordini calanti nel manifatturiero (47,5, minimo da 20 mesi, da 51,1) e nel terziario (47,4, da 50,1). Giudizi e attese delle imprese rivelano la fiacca dinamica produttiva in base ai dati Istat.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    22 Luglio 2011 - 22:10

    Con le tasche del ceto medio e medio basso. Bravi! La Cgia di Mestre nota giustamente che il sacrificio dei meno abbienti é piu' grave pur a parità di cifra ''tolta mettendo le mani nelle tasche degli italiani'' A> Bruxelles ci hanno lodato per la rapidità. Il Botswana é stato piu' rapido: ha scritto una x (una croce) per manovra. Piu' coerenti di noi.

    Report

    Rispondi

blog