Cerca

La Bce si sarà pur svegliata, ma Trichet fa solo errori

Jean-Claude non chiude in bellezza il suo mandato. Schiaffi anche dal consiglio direttivo: "Doveve prevenire la crisi"

La Bce si sarà pur svegliata, ma Trichet fa solo errori
Jean Claude Trichet non chiuderà in bellezza il suo mandato. Il presidente della Banca Centrale Europea ha incassato ieri uno schiaffo da una persona che gli sta seduta accanto nel consiglio direttivo dell’Eurotower. Il membro Yves Mersch è stato categorico in un’intervista al Wall Street Journal: «Penso che il nuovo presidente della Bce non dovrebbe avere lo stesso comportamento di quello attuale», perché «spero che nel giro di cinque anni il nostro operato sarà la prevenzione delle crisi e non la loro gestione». In pratica Mersch ha accusato Trichet di non essere stato in grado di prevenire la recessione e il ko di banche e debiti sovrani.

Ieri l’istituto di Francoforte è tornato a pascolare nei mercati, comprando anche Btp indicizzati all’inflazione. Piazza Affari e le altre sorelle europee hanno tirato il fiato. Ma «fino a quando la questione del debito sui periferici Ue rimarrà sulle prime pagine nonostante gli sforzi della Bce, le banche probabilmente rimarranno un punto cruciale in negativo in termini di propensione al rischio», dice Bank of America che ha abbassato la raccomandazione sui bancari europei a “neutral”. Speculazione? Anche, ma il guaio è che gli istituti europei non si fidano più l’uno dell’altro.  L’altro ieri hanno preso in prestito oltre quattro miliardi in un giorno (massimo di tre mesi), pagando il tasso penalizzante del 2,25% pur di assicurarsi la liquidità.

Ecco, non c’è fiducia. Non si vede la luce in fondo al tunnel: si agita molto il fantasma della recessione, mentre gli Stati, in primis l’Italia, sono in difficoltà nel reperire risorse per tagliare i debiti pubblici. La Bce chiede riforme e cambi di rotta immediati. Peccato però che, nonostante gli errori sui tassi d’interesse del 2008 e dei primi mesi di quest’anno, la Bce  preveda che il costo del denaro salirà gradualmente fino ad arrivare al 2,2% in media nel 2012. Questo perché le aspettative di inflazione «devono rimanere saldamente ancorate in linea con l’obiettivo del   Consiglio direttivo di mantenere i tassi di inflazione su livelli   inferiori ma prossimi al 2% nel medio periodo».

di Giuliano Zulin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    21 Agosto 2011 - 13:01

    Una moneta unica avrà certo effetti benefici ma per tutto il resto siamo europei a corrente alternata, dai servizi alle tasse ai controlli, a proposito anche nel resto d'Europa i nominativi celati dietro le società off shore rimangono tali, quindi sono tutti con le mano in pasta a fare affari altro che equità solidarietà fede e chiacchiere , pochi ladroni spremono un mondo ormai incapace di reagire, almeno nell'occidente perchè sotto di noi ci sono milioni di affamati come lupi che arriveranno sempre più consapevoli di fare dei coeatanei oltre mare un sol boccone

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    13 Agosto 2011 - 00:12

    Che si dirà di Berlusconi e Tremonti? Sono pure commissariati, i poverini. E Ruby paga l'IRPEF...con quello che ha guadagnato! E le orgettine? Queste preferiscono l'IGE (strano: Imposta generale sulle entratge, un programma!)

    Report

    Rispondi

blog