Cerca

Verso Svizzera in fuga da fisco C'è anche la Virgin di Branson

Il Paradiso non può attendere: il colosso si sposta a Ginevra per risparmiare milioni. Non si muovono più soltanto i capitali

Verso Svizzera in fuga da fisco C'è anche la Virgin di Branson
«La Gran Bretagna perde una vergine». L’espressione coniata dalla stampa anglosassone può apparire fuori luogo, in ogni caso riassume efficacemente la notizia della new entry tra i pendolari delle tasse in Svizzera. All’elenco già piuttosto nutrito di aziende locali o multinazionali (in gran parte americane, tedesche, anche italiane) che hanno trovato fiscalmente prezioso stabilirsi nella Confederazione, infatti, si aggiunge adesso Virgin Enterprise. La società è un braccio dell’impero britannico del miliardario Sir Richard Branson, 61 anni, spirito avventuriero e naso sopraffino per il business. Una piccola realtà, a dire il vero, nella galassia del magnate. Tuttavia è quella che detiene e gestisce i diritti universali del logo Virgin: un brand senza confini che ha trovato spazio su aeroplani e treni, palestre e bibite, agenzie di viaggio e finanziare, servizi telefonici e postali, emittenti radio e televisive, megastore.

E che ha fatto la fortuna di Branson, partito da zero vendendo dischi per corrispondenza. Poi, nel 1972 il battesimo di un’etichetta discografica, Virgin Records, che scommette sull’incisione di un esordiente: “Tubular bells” di Mike Oldfield, album stravenduto anche oggi. Il primo di molti successi, sempre e comunque sotto la bandiera della Regina. Ma ora la vergine fa le valigie. Virgin Enterprise lascerà Londra e approderà a Ginevra. Nel giro di poche settimane. I dipendenti hanno ricevuto la comunicazione ufficiale e in territorio elvetico sono perfino già comparsi annunci di lavoro. Secondo alcuni analisti, il trasloco potrebbe far risparmiare milioni di sterline di tasse. «Servirà anche ad accelerare il nostro processo di espansione e lo sviluppo internazionale del nostro marchio» ha spiegato un portavoce. Giurando che, al momento, non c’è alcuna intenzione di spostare dal Regno Unito gli altri segmenti dell’attività. E tuttavia mettendo bene in chiaro come, «di questi tempi, le aziende che operano sul mercato mondiale devono sfruttare tutte le possibilità che vengono offerte». Gli affari sono affari: i criticoni sono avvertiti. Non è la prima volta, del resto, che grandi nomi scelgono la Svizzera per strategia aziendale, per convenienza, per risparmiare gabelle.

Soltanto nel contenuto Ticino, per esempio, hanno trovato terreno fertile pezzi da novanta a stelle e strisce come Guess e Abercrombie & Fitch, settore abbigliamento; Naie, prodotti naturali per la salute; Caterpillar, giganti escavatori. Senza dimenticare altre presenze come Hugo Boss o Gucci. Merito del felice carico fiscale, innanzitutto. Ma pure di un livello salariale che inizialmente spaventa e che invece, a un esame più attento dei costi complessivi, non si rivela così catastrofico. Poi, ci sono la snellezza contrattuale, la flessibilità, una burocrazia meno pesante e opprimente che altrove. Come nel caso di Virgin Enterprise, le imprese che decidono di mettere sede in un Cantone ricorrono semplicemente ad avvocati specializzati o a fiduciarie che studiano i dettagli della convenienza e si occupano delle pratiche. Quando il nome della società compare sul Registro del commercio, la procedura è terminata e il trasferimento effettivo.

Accade con frequenza sempre maggiore. Tanto che Martin Theurer, impegnato a Zurigo con la Camera di commercio Germania-Svizzera, è arrivato a dichiarare: «Una volta avevamo forse quattro richieste all’anno. Oggi non passa giorno che una ditta straniera non si annunci da noi». Poiché il federalismo consente la concorrenza fiscale tra i Cantoni, esiste quasi una gara a chi assicura condizioni più vantaggiose agli imprenditori. Finora il più gettonato si è rivelato il Cantone Zugo. Tuttavia, per un’affinità linguistica se non culturale, succede che le aziende tedesche prediligano la Svizzera tedesca, quelle francesi la romanda, quelle italiane il Ticino.

di Leon Bartoletti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxsimo

    18 Agosto 2011 - 13:01

    Se le aziende grandi e medie mirano alla Svizzera o luoghi simili perchè le tassazioni sugli utili in generale ( in primis è l'italia) sono spropositate,tutti gli Stati dovrebbero incentivare le aziende e gli imprenditori perchè loro danno lavoro e futuro per tutti. La moda è dare contro a chi porta lavoro.... chiusura al credito, tasse, servizi troppo cari , contributi carissimi per i dipendenti , grazie a chi deve spremere, spremere e poi alla fine con la crisi le aziende che possono vanno a chi lascia respiro al lavoro e così lo faranno in molti. La colpa è di chi ha il potere di farlo ma non fà nulla per consentire che esista lavoro che è un tutt'uno tra impresa e lavoratori senza l'uno manca l'altro . Chi ne guadagna sono proprio posti come la Svizzera che non sono di certo loro gli stupidi !

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    17 Agosto 2011 - 15:03

    Povero vecchio sfigato...A 61 anni gioca a nascondino per nascondere il bottino in Svizzera. Quanto avra' da vivere ancora? 10-20 anni,e non gli bastano i miliardi che ha ? Vuole farsi la tomba come Cheope ? Povero vecchio sfigato !

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    16 Agosto 2011 - 11:11

    Bersani ha dato l'allarme e i capitali sono tornati in Ticino. Mi domando ma Bersani lo fa e ha il suo ritorno o lo è? Certo che avere Rosy come presidente manderebbe nel pallone quasi tutti. Pierluigi il silenzio è d'oro, o no? Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog