Cerca

Giulio piccona la Merkel: "Subito eurobond"

Il ministro Tremonti al Meeting: "Crisi non è al game over, serve blocco europeo". Via d'uscita? quella che non piace a Berlino

Giulio piccona la Merkel: "Subito eurobond"
La cattedra del Meeting di Rimini per una lezione assoluta, dall'arte alla storia, dalla filosofia all'economia. Tutto come piace a Giulio Tremonti, insomma. Il ministro dell'Economia interviene davanti alla platea di Comunione e Liberazione e per poco più di mezz'ora dice la sua sulla situazione internazionale, sul vento della crisi e su come affrontarlo. L'unico modo per superare la tempesta è un "blocco europeo", spiega Tremonti, perché la crisi "ha una dimensione finora non nota nell'esistente" e "sottovalutata da tanti, troppi governi che l'hanno considerata un ciclo passeggero". A scanso di equivoci, "l'unico modo per investire sul nostro futuro è quello degli eurobond", che la Germania però osteggia perché, di fatto, per Berlino si tratterebbe di garantire di tasca propria o quasi sulla tenuta dell'intera Eurozona. Troppo rischioso per il cancelliere Angela Merkel che oggi appare sempre più la spacca-Ue. "E' difficile dire che la Germania ha perso, ha pagato un prezzo - la pizzica Tremonti -. Forse è stato esattamente il contrario". Quindi il ministro rispolvera la vecchia immagine della crisi come il mostro del videogame, pronto a distruggere tutto: "Non c'è ancora il game over", avverte Tremonti.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    29 Agosto 2011 - 15:03

    Ma occorre un po' di tempo poiché non spetta alla Germania accollarsi i nostri debiti. Manca la sorveglianza/o il sorvegliante; manca una politica economica comune ecc...La Merkel non é contraria ma esige prima una struttura di sorveglianza ad evitare trucchi (Tremonti non ne é immune e dovettero rivedere 4 anni i bilanci italiani). Ha ragione anche la Merkel. Solo che Tremonti, dopo aver snobbato l'euro e l'UE per parecchio, ora si accorge che c'é odore di default in Italia. E tenta di evitarlo sulla spalle degli eurobond.Bravo! Laddove parliamo di fortuna (con speranza che sia così) é la percentuale di esport tedesco /e francese/ verso l'Italia. Tremonti ne accenna con le percentuali cifrate ed evidenzia che l'esport tedesco verso l'Italia é superiore a quello verso la Cina. Auguriamoci che continui a non valere la pena far fallire l'Italia ma auguriamoci pure di cambiare i nostri politici che si accorgono di tutto in ritardo. Dopo i dati europei, dopo che Ruby é stata scoperta...

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    28 Agosto 2011 - 22:10

    Mi perdoni ministro ma ho dimenticato i vantaggi dell'euro, se gentilmente lo spiega agli italiani che vedono sparire la produzione causa alti costi, prezzi energia e carburanti sempre in salita, debiti sovrani altrui garantiti dai nostri averi, tasse in nome di una banca centrale e norme che non ci servono anzi spesso ci rovinano ( come nel mio caso che gestivo un bene demaniale), contratti di lavoro ormai a chiamata , pensione quando lo dicono loro, scuole da dimenticare, sanità che divora tutte le risorse. Ma abbiamo qualche cosa di europeo a parte un pezzo di TAV e le basi nato? A giudicare dall'evasione fiscale e da come fate rientrare i soldi neri direi proprio NIENTE!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • saccard

    27 Agosto 2011 - 17:05

    Un verme socialista e traditore. Questo è tremonti. Questo è quello che diceva che non avrebbe mai messo le mani nelle tasche degli italiani e poi sforna imposte di bolla e tassazione delle rendite finanziarie. Un tributarista di Sondrio culo e camicia con i sindacalisti più osceni: Bonanni e Angeletti.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    27 Agosto 2011 - 16:04

    Default. Dopo aver negato la crisi, ora la teme. Lui se ne andrà e lascera le castagne bollenti agli altri (csx)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog