Cerca

Pil 2008, calo dell'1%

Peggior dato dal 1975

Pil 2008, calo dell'1%
Il Prodotto interno lordo nel 2008 è calato di un punto percentuale rispetto all'anno precedente, facendo così segnare il dato peggiore dal 1975, quando la diminuzione del pil era stata del 2,1%. L'ultima stima ufficiale del governo, quella contenuta nell'aggiornamento del Programma di stabilità, attestava una diminuzione del Pil nel 2008 dello 0,6%. Secondo l'Istat, lo scorso anno il rapporto tra deficit e Pil si è attestato al 2,7%. Nelle ultime stime ufficiali del governo, quelle contenute nell'aggiornamento del Programma di stabilità, il rapporto deficit-Pil per il 2008 era al 2,6%. Nel 2007 il deficit si era invece attestato all'1,5%.
Resta invece stabile, nel mese di febbraio, l'andamento dell'inflazione a febbraio. Il mese scorso i prezzi al consumo sono aumentati dell'1,6% rispetto al febbraio del 2008, segnando la stessa crescita di gennaio (1,6%) e assestandosi sui livelli di agosto 2007. Su base mensile, invece, c’è stato un incremento dello 0,2%. Sull'aumento del costo della vita a febbraio, spiega l'istituto di statistica, "ha inciso soprattutto la leggera accelerazione dei beni, che hanno segnato un +1,2% su base annua e un +0,3% sul mese precedente. I servizi invece rallentano, registrando un +2,2% tendenziale e un +0,2% congiunturale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Indietrotutta

    02 Marzo 2009 - 15:03

    l'informazione italiana con rarissime eccezioni è al servizio del governatore o dell'opposizione di turno, Il popolo bue non deve sapere la realtà dei fatti ma deve credere alla favola della discesa in campo del Grande Imprenditore che avrebbe fatto diventare tutti più ricchi...ecco i risultati.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    02 Marzo 2009 - 13:01

    come volevasi dismostrare:un giorno sì e un giorno no ci vengono propinati i dati sulla grave situazione economica con il Pil che diminuisce e via discorrendo. Poi ci pensa l'Istat a comunicarci l'inflazione all'1,6 per cento, che, more solito, è un dato che non trova riscontro con quello dell'inflazione reale. Quando era in carica il governo Prodi,sui giornali di centrodestra la pubblicazione di questi dati avveniva con un commento di critica circa il reale andamento dell'inflazione(ricordo i commenti del compianto prof. Ornello Vitali, ordinario di statistica).Adesso, però, gli stessi giornali, compreso Libero, si limitano a riportare i dati, senza commenti. Intanto il nostro Presidente del consiglio si preoccupa di ricostruire Gaza. Mi va bene aiutare gli altri, ma prima cerchiamo di risolvere i problemi economici italici, senza sostenere che noi stiamo meglio degli altri. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog