Cerca

L'Europa ci detta la manovra Merkel: Siete come la Grecia

Trichet: "Bilancio in pari o sanzioni". Draghi: "Aiuto della Bce non è scontato". Moody's: "Rating sotto osservazione". E Angela gongola: "Siete fragili"

L'Europa ci detta la manovra Merkel: Siete come la Grecia
Sui mercati, su tutti i mercati, la pressione è tornata a livelli allarmanti: le Borse fanno registrare pesanti passivi. Per quel che riguarda l'Italia, finisce sul banco degli imputati la manovra. Anche dall'Europa si sono levate diverse voci che, pur senza mai indicare direttamente il pacchetto anti-crisi in arrivo in Senato, mirano ad aumentare la pressione sul governo. Per Jean-Claude Trichet sono necessari interventi centralizzati da parte dell'Unione europea per quei Paesi che non prendono misure adeguate di risanamento dei bilanci. Tempismo quantomeno sospetto, quello del governatore della Banca centrale europea, che chiede una nuova governance economica per la quale richiede un accordo per il rafforzamento del patto di stabilità e di crescita, e un eventuale scorporo del settore finanziario dal rischio di debito sovrano. Trichet ha proseguito ricordando come le economie nazionali divergenti hanno causato probalemi all'Unione europea. Il banchiere centrale ha ribadito che l'Eurotower ha fatto tutto il necessario per la stabilità dei prezzi. Nel pomeriggio di lunedì, l'agenzia Reuters ha diffuso un commento che la cancelliera tedesca, Angela Merkel, avrebbe rilasciato nel corso di un incontro con i parlamentari della Cdu: "Italia e Grecia sono in una situazione estremamente fragile". Il commento della Merkel è stato fatto trapelare da una fonte presente al briefing.

Rehn: "Non può gravare tutto sulla Bce" - Dopo Trichet ha parlato il portavoce del commissario Ue agli affari monetari Olli Rehn, che ha indicato come le dichiarazioni del presidente della Banca centrale europea sull'urgenza di rafforzare la governance  economica dell'euro sono "in linea con le posizioni della commissione Ue e del presidente dell'eurogruppo, Jean-Claude Juncker". Il portavoce ha continuato sottolineando che "non si può lasciare che tutto ricada sulle spalle della Bce", con i suoi acquisti sul mercato secondario dei titoli di Stato.

Draghi: "Non dare nulla per scontato" - E sulla questione dei titoli di Stato, il cui differenziale rispetto al Bund tedesco è tornato a schizzare, si è espresso anche il presidente in pectore della Bce, Mario Draghi. L'attuale numero uno di Bankitalia ha spiegato che "la bacchetta magica non esiste, ma accanto al risanamento dei conti pubblici è prioritario sostenere la ceescita economica, soprattutto nei paesi più deboli". Poi ha ripreso: "I paesi membri dell'Eurozona non devono dare per scontato il programma di acquisto dei titoli di Stato, compresi quelli italiani, deciso dalla Bce nelle scorse settimane". Draghi ha poi sottolineato l'importanza dell'operato della Bce che nella crisi ha fatto "la sua parte fino in fondo".

Van Rompuy: "Più pressione su Roma" - Infine ha parlato anche il presidente permanente dell'Unione europea, quell'Herman Van Rompuy tanto caro ad Angela Merkel e Nicolas Sarkozy. "L'Unione europea deve aumentare la pressione su Gracia e Italia affinché mettano in atto le manovre da loro stessi concepite". Van Rompuy non si nasconde dietro a un dito e non si fa problemi a citare il Belpaese. Intervistato alla radio fiamminga Vrt, in un colloquio che ha preceduto la sua partenza per la missione a Helsinki e Berlino, ha proseguito: "I mercati finanziari vedono che ci sono ancora problemi per la realizzazione dei piani di austerity in Grecia e in Italia. L'Europa deve fare qualcosa".

Moody's: "Rating sotto osservazione" - E nel corso della giornata perfetta, non poteva mancare la consueta minaccia delle agenzie di rating. Moody's ha precisato che il rating dell'Italia resta sotto osservazione per un possibile downgrade. La precisazione è arrivata daopo l'inseguirsi di indiscrezioni sul ribasso. "Attualmente Moody's dà un rating di Aa2, che è sotto revisione per un possibile downgrade", hanno spiegato dall'agenzia di rating. Moody's, però, ha sottolineato come il processo di revisione sia stato annungiato già lo scorso 17 giugno, e che quindi non c'è nessuna particolare novità rispetto a quanto affermato in precedenza. Dalla sede londinese dell'agenzia hanno spiegato: quello relativo alla possibile revisione del rating "è un processo che dura in media tre mesi". Un termine comunque non vincolante, ma che fa prevedere comunque entro tempi brevi la conclusione dell'analisi sul nostro Paese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    10 Settembre 2011 - 09:09

    Cara Emma ma quanti miliardari iscritti alla Confindustria? E questi non capaci di fondare una Società multinazionale per le Infrastrutture che servono al Paese e per le loro imprese?Capaci da Agnelli(4 Parlamentari,senza conflitto?)che hanno solo munto la vacca grassa con la Cig e che cosa dire dell’incidente dell’inqualificabile Fiattino Lapo con il Sub sui binari: necessario costruire e pubblicizzare questi Suv che ciucciano”come spugne,oltre ad inquinare? Poi con quali soldi se“Marcegaglia:«Italia in pericolo,governo o è in grado o tragga conseguenze» perché pensa si rimanere, senza in bolletta e niente pensione d’oro?Il presidente di Confindustria:«Abbiamo ancora degli spread pre-manovra e c'è un problema di credibilità» Colpa per la troppa democrazia del Cavaliere o del signor“No”vale a dire dei suoi ex Olivette di Prodi e prossimi alleati?Piuttosto, forse molti suoi iscritti con le guerre non si sono arricchiti, senza pagare penalmente inviando, motori agricoli(montate poi le su torrette),bombe,mine o la Fiat o non investiti 9000mld£ di Gheddafi?Forse, queste armi le fabbricava Berlusconi o che nelle sue Società hanno mai avuto addetti in Cig?Allora,s’informi dal Giornalista Daniele Moro o da Margherita Boniver esperti ed in missioni che,mi confidarono che per sminare quei Paesi occorrevano 99 anni? http://vincenzoaliasilcontadino.ilcannocchiale.it/ http://www.splinder.com/myblog/edit/view/659606 http://www.corriere.it/dilatua/Primo_Piano/Economia/2011/09/09//marcegaglia-italia-governo_full.shtml

    Report

    Rispondi

  • savj

    07 Settembre 2011 - 12:12

    Ma come, solo due giorni prima diceva che l'Italia stava affrontando bene la crisi ed aveva fiducia nei conti pubblici italiani, ora invece ci paragona alla Grecia addirittura. Colpa dei consensi elettorali crollati verso di Lei in Germania, e quindi deve venire incontro alle idee di molti suoi contestatori dell'opposizione che in tempi di crisi sanno strumentalizzarla bene ed in modo vigliacco. Comunque ben vengano questi incitamenti a fare presto e bene, purchè non si oltrepassi il senso del pudore.

    Report

    Rispondi

  • biribixi

    06 Settembre 2011 - 15:03

    Ma che aspetta la Merkel, con la benedizione dei mercati e della BCE, a mandarci un Gauleiter che esautori tutti questi patetici incompetenti, milionari a spese nostre, che non sanno né governare né fare opposizione? Un bel Commissarien che prenda in mano la situazione (disperata ma non seria) italiana e, tagliando di qua, affettando di là, senza guardare in faccia nessuno, riesca a rimmettere in riga il Bel Paese? Tanto, guardiamoci in faccia, noi da soli, con questa Democrazia, con questa Classe Politica, con questi Sindacati, con questi Privilegi, con questi Veti Incrociati, con questi Magistrati, con queste Leggi, con questi Diritti Acquisiti e con tutto il resto... altro che Grecia!! Che cosa si aspetta? Le rivolte nelle piazze?Il fallimento delle Banche? L'inesigibilità dei titoli pubblici? Diamoci una svegliata e siamo per una volta realisti. Noi italiani non siamo fatti per la democrazia; per noi ci vuole il bastone. Purtroppo.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    06 Settembre 2011 - 09:09

    Mi si chiede come mai l'Italia sta messa peggio della Germania.La risposta sarebbe di una semplicità estrema.Perchè la Germania è una nazione più seria di noi, ha un sistema politico che noi non abbiamo mai voluto fare,cioè ha un premier con "alcuni"poteri,non ha la costituzione più bella del mondo ed intoccabile come la nostra e soprattutto non ha mai avuto il cancro delle società:il partito comunista,o almeno lo ha avuto ma nell'era moderna mai rappresentativo come il nostro.Non ha avuto sindacati ottusi per i quali tutti siamo uguali per il fatto di avere lo stesso stomaco(mica vero) e per i quali "il salario è variabile indipendente dalla produzione",per i quali il posto di lavoro è fisso a vita ed il licenziamento del parassita una chimera etc.etc. Non ha il debito pubblico come il nostro perchè ha dosato le prorpie spese cercando di limitare i benefit del welfare,i più pagano le tasse.La ricerca è ben organizzata,la scuola è cosa seria etc. Se l'Italia non va però è Berlusconi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog