Cerca

Bce, Trichet sulla manovra: "Decisioni sono confortanti"

L'Eurotower taglia le stime sulla crescita europea. Tassi di interesse invariati. Btp, sugli acquisti: "Non comunichiamo nulla"

Bce, Trichet sulla manovra: "Decisioni sono confortanti"
Jean-Claude Trichet, "pur tra qualche complessità" e qualche "esitazione", promuove la manovra: "L'Italia si muove nella giusta direzione". Il presidente della Bce ha sottolineato che le comunicazioni al governo Berlusconi sono state concordate con il prossimo numero uno dell'Eurotower, il governatore di Bankitalia Mario Draghi, che prenderà l'incarico di Trichet dal prossimo novembre. L'istituto, contestualmente, dopo il monito dell'Ocse ha tagliato le stime di crescita di Eurolandia e ha deciso di non ritoccare i tassi di interesse.

Titoli di Stato - Per quel che riguarda l'acquisto di titoli di Stato italiani da parte dell'Eurotower, Trichet ha speigato: "Non dirò niente. Non comunichiamo niente tranne i dati degli interventi sul mercato secondario". Così, il numero uno dell'istituto centrale, elencando i singoli interventi (fra cui l’ultimo dello scorso 5 settembre per 13,3 miliardi di euro) ha ricordato che "questo programma è parte della nostra politica monetaria" che prevede "misure non standard". Nel massimo riserbo, insomma, ha lasciato intendere che le operazioni di acquisto proseguono, anche se poi ha sottolineato "che il sostegno non sarà per sempre: tutte le misure sono da considerarsi temporanee".

Nessun diktat a Roma - Tornando alle comunicazioni tra Bce e Roma, Trichet ha sottolineato di non aver dettato nessun programma di riforme. "Si è trattato di messaggi, non dettiamo alcunchè per definizione, non imponiamo nulla, consideriamo nostro dovere dire a tutti i governi che devono rispettare il patto di stabilità e di crescita. Nella situazione italiana - ha aggiunto - abbiamo analizzato la situazione, riflettuto su cosa fosse importante per ristabilire il merito di credito". Infine un nuovo monito: "L'Italia, come gli altri Paesi, deve prevedere i trend e se ci sono nuove misure da assumere bisognerà assumerle".

Bacchetatta alla Germania - Il presidente dell'Eurotower ha poi risposto seccamente alle critiche di alcuni economisti tedeschi che hanno definito la Bce una 'bad bank' che fa icnetta di titoli di Stato rischiosi. "Noi siamo indipendenti - ha tuonato - e prendiamo decisioni che a volte non piacciono ai governi. Noi siamo chiamati a garantire la stabilità dei prezzi, lo abbiamo fatto impeccabilmente per 13 anni. Questo è il nostro lavoro. La decisione di comprare titoli di Stato nel mercato secondario è legata al miglioramento dei meccanismi di trasmissione della politica monetaria. Noi ci assumiamo le nostre responsabilità e mi aspetto che tutte le altre autorità, governi nazionali inclusi, si assumano in pieno le loro".

Crescita e inflazione - Nel dettaglio, l'Eurotower ha tagliato le sue stime sulla crescita del Pil nell’area euro, portandole tra 1,4% e 1,8% nel 2011 (pari all’1,6%) e tra 0,4% e 2,2% (pari  all’1,3%) nel 2012. Le precedenti previsioni erano tra l’1,5% e il 2,3% per il 2011 e tra lo 0,6% e il 2,8% per il 2012. Per quel che riguarda l'inflazione, le stime restano invariate al 2,6% nel 2011 e all’1,7% nel 2012.

Tassi di interesse - Nella riunione di giovedì del Consiglio direttivo, la Banca centrale europea ha deciso che i tassi di interesse rimarranno invariati. Così i tassi sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno rispettivamente all'1,50%, al 2,25% e allo 0,75 per cento. Il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, illustrerà i motivi della decisione in una conferenza stampa che si terrà nel pomeriggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vgrossi

    09 Settembre 2011 - 09:09

    riporto una citazione da Reuters di oggi, circa il discorso di Obama "He proposed extending unemployment insurance at a cost of $49 billion, modernizing schools for $30 billion and investing in transportation infrastructure projects for $50 billion.But the bulk was made up of $240 billion in tax relief by cutting payroll taxes for employees in half, to 3.1 percent, next year and trimming employer payroll taxes as well.A surprise element for economists was that Obama called not just for an extension of the employee payroll tax holiday but for a more generous tax break." Come si vede, Obama intende reagire alla crisi in modo opposto a Trichet, DETASSANDO ed INVESTENDO.Il paradosso è che, se il piano Obama funziona come è probabile, anche in Europa si avranno riflessi positivi tali da attutire gli effetti negativi della Trichet-pensate. E Trichet ne menerà vanto.

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    08 Settembre 2011 - 20:08

    "Noi siamo chiamati a garantire la stabilità dei prezzi, lo abbiamo fatto impeccabilmente per 13 anni. Questo è il nostro lavoro." non stento a credere che la citazione sia perfetta: c'è dentro tutto Trichet. Ma come mette insieme questo l' ineffabile Governatore con il fatto che ormai in tutta Europa c'è una deflazione appena mascherata ? Oggi la grande distribuzione ha affermato che ormai il 27 % delle vendite riguarda i prodotti in promozione: ci vuole poco (due calcoletti due) a rendersi conto che questo significa un 3% di DEFLAZIONE. E' vero, la BCE ha il solo compito di curare la moneta, e se nel frattempo uccide le economie non conta. L' Euro è nato da padri di sinistra, burocrati fino al midollo, e non c'è modo di trasformarlo in una moneta che serve per vivere. Una cosa però è certa: quando una qualsiasi regola cozza contro la realtà, salta la regola, non la realtà.

    Report

    Rispondi

blog