Cerca

Schiaffo alla Francia di Sarkò: Moody's declassa le banche

Tagliato il rating di Crèdit Agricole e quello di Sociètè Gènèrale. Nel mirino c'è pure Bnp Paribas. Ma le Borse tengono botta

Schiaffo alla Francia di Sarkò: Moody's declassa le banche
Anche 'l'Europa che conta' paga dazio. Nicoals Sarkozy prende un sonoro schiaffone dalle agenzie di rating. Moody's ha tagliato, riducendolo di un cosiddetto notch, il giudizio sul debito di due tra le principali banche francesi, Crèdit Agricole e Sociètè Gènèrale, su cui nelle ultime settimane si è concentrata una pioggia di vendite sulla piazza parigina. Secondo Moody's le previsioni sul debito a lungo termine per i due istituti rimangono "negative" in considerazione della loro esposizione all'economia greca.

Anche Bnp nel mirino - Così l'agenzia ha tagliato il rating sul debito e sui depositidi di SocGen da Aa2 ad Aa3. L'outlook sui rating sul debito a lungo terminer è negativo. Per Crèdit Agricole Moody's ha invece tagliato il rating Bank Financial Strenght da C a C+, mentre i rating sui depositi e sul debito a lungo termine sono passati a Aa2 da Aa1. Ma non è finita, perché per la Francia si delinea uno scenario inquietante: nel mirino dell'agenzia ci è finita anche Bnp Paribas, istituto sul quale Moody's tiene aperta la porta a una possibile revisione del downgrade sul rating a lungo termine.

Parigi a picco - E mentre la Cina annuncia un soccorso (interessatissimo) all'Unione europea sotto la forma di investimenti, le Borse europee mercoledì mattina incassavano ribassi considerevoli, per poi invertire la rotta. Ma a Parigi finiscono ovvimanete nel mirino le banche francesi. Nelle prime ore di contrattazioni SocGen perdeva il 6,4%, Crèdit Agricole il 5,9% e Bnp Paribas quasi 8 punti percentuali. Dopo un'apertura negativa un po' in tutta Europa, le Borse intorno alle 15.15 erano in territorio positivo: a Milano il paniere principale Ftse Mib saliva dell'1,58%, Londra cresceva di 1,58 punti percentuali, Francoforte del 2,28% e anche Parigi, nonostante le vendite sui bancari, veleggiava in territorio positivo con un cospicuo rialzo dell'1,31 per cento.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 44carlomaria

    18 Settembre 2011 - 20:08

    Siamo costretti a riceveri stipendi, pensioni e qualsiasi altra transazione in una banca qa cui dobbiamo pagare il pizzo. La signora Camusso vergine come Biancaneve lo ignora. Quando le banche potrebbero fallire, la signora Camusso dice no e Giorgio ci fa pagare l'assicurazione. Negli USA Lehham & Brothers fallisce . Da noi no, no perchè?Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • Bobirons

    17 Settembre 2011 - 14:02

    .. che chi pecora si fa, il lupo se lo mangia. Anche se il lupo è solo un cagnolone travestito. Concittadini italiani, su i cuori, e basta con l'attitudine tutta italiana di sputare nel piatto dove mangiamo. Siamo italiani, i nostri antenati hanno fattualmente civilizzato l'Europa che a sua volta ha colonizzato il mondo. Ergo, se qualcuno parla di paese di me..a, che se la mangi. Se abbiamo panni sporchi, e ne abbiamo, laviamoceli in casa. All'esterno diamo l'immagine di un Paese superiore, o per lo meno che niente ha da chiedere ai galletti francesi, i crucchi tedeschi, i limoncini inglesi, i cappelloni americani, gli occhi obliqui dei gialli eccetera.

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    15 Settembre 2011 - 10:10

    o del quale mi sono accorto solo oggi. Tesi ? la crisi attuale non è localizzata, nè ha episodi localizzati, in questo o quel paese. Come scrivo da mesi, ormai, il problema è la governance dell' Euro, e le sciocchezze fatte da TUTTI gli esponenti politici UE, Merkel in testa. La crisi è dell' Euro, punto e basta. Su Reuters, stamane, è uscito un articolo "Can Euro be Saved ?" a firma di uno "sconosciuto" a nome George Soros. I poliglotti commentatori di questo forum, è in inglese, farebbero bene a leggerlo non tanto per capire quanto Soros scrive, ma per mostrarci ( e mostrargli) che sbaglia in pieno e che la colpa è della finanziaria e di Berlusconi, rivelandoci le falle del ragionamento del tizio. Daranno un contributo importante, e, chissà, forse mi convinceranno a starmene definitivamente zitto, salvo registrare con meritata soddisfazione il mio passaggio armi e bagagli nel campo del csx, se sapranno esser convincenti

    Report

    Rispondi

blog