Cerca

Rischio "venerdì nero" in Borsa

Tokyo chiude a -3,5%

Rischio "venerdì nero" in Borsa

 Male, anzi malissimo. Chiusura in pesante calo per la borsa di Tokyo, che è crollata del 3,5%, perdendo oltre 260 punti. L'indice Nikkei ha risentito pesantemente dell'agitazione innescata nei mercati dopo che è stata ufficializzata la possibilità di liquidazione del gigante automobilistico americano General Motors. Questo, unito al mancato annuncio di un piano di rilancio dell'economia cinese, fa temere un nuovo "venerdì nero" per tutte le Borse mondiali.
Va meglio, al momento, per le Borse europee, che hanno aperto con il segno meno contenendo però le perdite. In avvio Parigi cedeva lo 0,24% , Londra lo 0,72%, Francoforte lo 0,1%, Zurigo lo 0,18%. La peggiore, ancora una volta, è Piazza Affari: l'indice Mibtel segnava -0,53%, a 11.113 punti. L'indice S&P/Mib cede lo 0,56%, l'All Stars è sul -0,04%. Poco dopo l'apertura, però, gli indici del Vecchio Vontinente sono balzati in territorio positivo, mentre Milano ha ampliato le perdite cedendo oltre l'1%.


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • forzadoria

    06 Marzo 2009 - 14:02

    Non scrivete "male, malissimo", che poi il capo si arrabbia. Non è vero che va male, è solo un'impressione. Anche il dato della borsa è da rivedere. Il Mibtel va giù molto più rapidamente che dalle altre parti? Beh, come si dice nel settore di competenza di Silvio, "più lo mandi giù, più ti tira su". Quindi, tutto bene, benissimo.

    Report

    Rispondi

blog