Cerca

Video: cosa resta di Confindustria

Il commento di Nino Sunseri: "Ci si chiede che rappresentanza abbia l'associazione senza la principale azienda italiana"

Video: cosa resta di Confindustria
Sergio Marchionne ha annunciato: Fiat lascia Confindustria. "Una decisione assolutamente rivoluzionaria - spiega Nino Sunseri, collaboratore di Libero -: fino a ieri non era immaginabile una Confindustria senza la Fiat, anzi una Confindustria in cui la Fiat non nominasse il presidente". Il punto di rottura tra il Lingotto e gli industriali è stato raggiunto due settimane fa, "quando la Marcegaglia ha firmato con la Camusso e gli altri sindacati l'accordo che depotenziava l'articolo 8 della manovra", in base al quale sarebbero stati possibili licenziamenti anche per ragioni produttive. D'ora in avanti  "gli accordi che prende Confindustria con i sindacati non valgono più per Fiat". Ma per quanto riguarda viale dell'Astronomia, conclude Sunseri, "c'è da chiedersi che rappresentatività avrà un'associazione senza la presenza della principale azienda italiana, ma che conterà soltanto le aziende di Stato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    10 Ottobre 2011 - 20:08

    Grido' Berlusconi ad un'assemblea confindustriale (ora lo grida al Bunga Bunga). La cosa ha poca importanza. Mi chiedo invece cosa succede al governo senza la Lega... meno disastri (0rmai ci sono gia' tutti) ma meno governo, anzi, niente governo B:

    Report

    Rispondi

  • biemme

    03 Ottobre 2011 - 20:08

    Marchionne non può stare dietro a gente come Marcegaglia, montezemolo ecc..... Deve lavorare e produrre se vuole far vivere Fiat senza i nostri soldi, come i suoi predecessori hanno sempre fatto.

    Report

    Rispondi

  • Dream

    03 Ottobre 2011 - 17:05

    a ciucciare il sangue!

    Report

    Rispondi

blog