Cerca

Dexia, quasi crac. Crollano le Borse

La banca franco-belga a un passo dal fallimento: a Bruxelles crolla fino al 37%. Europa sotto pressione. Milano, Fiat a picco: lascia il 7,47%

Dexia, quasi crac. Crollano le Borse
Giulio Tremonti all'Ecofin lo ha detto chiaro e tondo: "La crisi si è estesa anche alle banche". Il segno più tangibile di quanto affermato dal ministro dell'Economia arriva dalla borsa di Bruxelles. Dopo il tonfo della vigilia pari a dieci punti percentuali, il titolo della banca franco-belga Dexia continua la sua vertiginosa picchiata all'indomani di un consiglio di amministrazione straordinario che ha lasciato trapelare la possibilità di uno smantellamento dell'istituto travolto dalla crisi. Così alla Borsa di Bruxelles il titolo è sceso fino a un minimo di 0,851 euro per azione, con un tonfo del 37%, per poi rimbalzare a 1,03 euro, riducendo le perdite a 20 punti percentuali.

"Garanzie ai finanziamenti" - I governi francesi e belga, che sono co-azionisti di Dexia, si sono pubblicamente impegnati a "fornire la loro garanzia ai finanziamenti" raccolti dal gruppo che rischia di essere smantellato. "Nel quadro della ristrutturazione gli stati belga e francese, in collegamento con le banche centrali, prenderanno tutte le misure necessarie per assicurare la sicurazza dei depositanti e dei creditori": è scritto in un comunicato congiunto dei ministri delle Finanze di Francia e Belgio.

Crollano le Borse - I timori sempre più palpabili sulla tenuta della Grecia e i primi concreti scricchiolii delle banche del Vecchio Continente pesano come un macigno sui mercati. A Piazza Affari, a poco più di un'ora dalla chiusura delle contrattazioni, l'indice Ftse Mib perdeva 3,61 punti percentuali. A Londra il ribasso era del 2,72%, a Francoforte del 3,22% mentre Parigi lasciava 2,78 punti percentuali. La giornata della piazza milanese, alla pari di quella degli altri listini continentali, era cominciata all'insegna delle vendite. A fine giornata il paniere principale di Milano, l'indice Ftse Mib, ha chiuso in ribasso del 2,72%, mentre l'indice complessivo All Share ha lasciato il 2,46 per cento. Chiudono in calo tutte le Borse: Francoforte ha perso il 2,98%, Londra il 2,58% e Parigi il 2,61 per cento. A Piazza Affari prosegue la corsa al ribasso della galassia dei titoli Fiat, che scontano la decisione di Sergio Marchionne di uscire da Confindustria e la continua contrazione del mercato dell'auto, dove è stato registrato un nuovo calo delle immatricolazioni pari a cinque punti percentuali: il titolo Fiat è crollato di 7,47 punti percentuali, Industrial dell'8,47% mentre la cassaforte Exor è retrocessa del 7,05 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • chiccodj

    05 Ottobre 2011 - 12:12

    Se la Grecia fallisse ... Il gioco del domino avrebbe inizio , e cadrebbero sul suolo , banche, Stati , ed economie ... chi investirebbe piu' in bond di paesi con alti debiti pubblici ? Dai stiamo attenti a speculare , alla fine guadagnao solo I ricconi di Wall Streat e noi avremo sempre meno!

    Report

    Rispondi

  • chiccodj

    04 Ottobre 2011 - 22:10

    La Germania ha perso gia 2 guerre mondiali , ora sta perdendo quella ECONOMICA ! siamo a perdere tempo , ormai piu' di un anno, per salvare un paese piccolo come la grecia e sul campo stiamo lasciando per la INCAPACITà di burocrati seduti , a bruxell, pagati da noi , che non riescono a fare nulla !! aLTRO CHE FAR FALLIRE LA GRECIA SAREBBE LA PRIMA PEDINA DEL DOMINO !! Salviamo in modo deciso la grecia , emettiamo gli eurobond a garanzia del debito europeo a 3pla A , e sconfiggiamo la speculazione !

    Report

    Rispondi

  • paolospyder

    04 Ottobre 2011 - 18:06

    ...default e la finiamo con questa agonia. Almeno poi in qualche modo si riparte. La Grecia sta pagando più del 20 % d'interesse è ovvio che fallirà. Facciamolo noi prima che succeda da solo, noh...?!?

    Report

    Rispondi

blog