Cerca

Parigi e Berlino padroni dell'Euro

Vertice tra Merkel e Sarkozy: "D'accordo sulla crisi, abbiamo responsabilità particolari". La Cancelliera chiede "più peso nella Bce"

Parigi e Berlino padroni dell'Euro
Chi dall'incontro franco-tedesco si aspettava dettagli sulla ricapitalizzazione delle banche europee, si sbagliava. Il patto è stato raggiunto, ma per quanto conoscerne i contenuti bisognerà ancora aspettare. "La Francia e la Germania hanno posizioni assolutamente allineate su tutti gli aspetti della crisi", hanno assicurato il presidente francese Nicolas Sarkozy e la Cancelliera tedesca Angela Merkel dopo l'incontro a Berlino di domenica 9 ottobre. Obiettivo: stabilizzare l'euro. Entro fine mese presenteranno un "pacchetto complessivo" per risolvere la crisi in modo da arrivare al G20 del 3 e 4 novembre di Cannes con una "soluzione globale e duratura", ha ribadito Sarkozy. "Siamo consapevoli - ha precisato il capo dell'Eliseo - del fatto che i nostri due Paesi hanno una responsabilità particolare per stabilizzare l’euro". Al patto bilaterale risponde però brusco il ministro degli Esteri italiano Franco Frattini: "Siamo contrari ad accordi di questo tipo".

Modifiche ai trattati - L'impegno principale assunto dai due capi di Stato è quello di introdurre modifiche ai Trattati europei. "Avanzeremo tali proposte ai nostri colleghi e aspetteremo le loro reazioni", ha detto la Cancelliera. Tra le proposte, come anticipa lo Spiegel, ci sono la convocazione di una nuova Convenzione europea, il "completamento dell'Unione monetaria" attraverso una collaborazione economica più forte, la definizione di un "sistema di ristrutturazione" per gli Stati che faticano a rispettare i criteri del Patto di satbilità. E, non per ultimo, la riponderazione a favore della Germania dei voti all'interno della Banca centrale europea. I diritti di voto nel direttivo dell’Eurotower dovrebbero essere calcolati sulla base delle quote detenute nel capitale della Bce, in quanto l’attuale sistema, che assegna un voto a Paese, "penalizza gli Stati più grandi". 

Ricapitalizzare le banche - Intanto, per vedere di preciso cosa finirà nel "pacchetto complessivo" annunciato dal duo Merkel-Sarkozy bisognerà ancora attendere. Come bisognerà aspettare per capire i contenuti dell’intesa "totale" tra Parigi e Berlino sulle modalità di ricapitalizzazione degli istituti di credito, su cui Sarkozy è tornato a più riprese. "Siamo decisi a fare il necessario per assicurare la ricapitalizzazione delle nostre banche", si limita a spiegare Merkel. "Siamo del tutto d’accordo con la Germania sulle modalità e le finalità della ricapitalizzazione delle banche", aggiunge Sarkozy.

Salvare Atene - Su un punto, in particolare, insistono Merekel e Sarkozy: Atene deve restare nell’Eurozona. "Se abbandoniamo la Grecia c’è il grosso rischio che la crisi si estenda ad altri Paesi", aggiunge sulla Bild il il presidente della Commissione Ue Barroso, secondo cui un fallimento di Atene potrebbe avere conseguenze "imprevedibili".








Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ileana47

    11 Novembre 2011 - 21:09

    gli unici che contano e vogliono dettare legge sono la francia e la germania, ma l'europa è composta di tanti altri paesi, questi dove sono? Spero vivamente che questa europa insignificante e intrigante sparisca al più presto, per far ritorno alla propria individualità , rimandando a casa tutti quegli esseri inutili e parassiti di extraCOMUNITARI. Mettendo al loro posto tutti gli esuberi della pubblica amministrazione.....

    Report

    Rispondi

  • mazimo

    10 Ottobre 2011 - 16:04

    Toh, Frattini si e' finalmente preso una pausa dalla lettura di tutti i documenti di S.Lucia. Va bene, si trastulli un po' con queste piccolezze, ogni tanto uno svago va bene. Ma poi torni a lavorare sodo eh, ci vuole la pistola fumante. La casa e' del cognato del traditore Fini o no? La cucina Scavolini e' andata a Montecarlo o no? Questo deve fare, mica lo paghiamo per giocare.

    Report

    Rispondi

  • meloni.bruno

    10 Ottobre 2011 - 16:04

    Per poter contare Frattini avrebbe dovuto mettersi alla prova con la guerra in Libia, negando la partecipazione dell'Italia, adesso viene considerato come il gioco del tresette, dove lui rapresenta il 4 di briscola che in questo gioco non conta nulla!

    Report

    Rispondi

  • cioccolataio

    10 Ottobre 2011 - 16:04

    Ma voi ce li vedete Sarkozy e Merkel, in particolare quest'ultima, già destinataria di romantici complimenti da parte dell'Unto dal Signore, sedere e discutere oggi allo stesso tavolo con Berlusconi? La fantascienza ha un limite....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog