Cerca

I Premi Nobel come Tremonti: "Solo gli Eurobond vi salveranno"

Gli americani Sims e Sargent danno ragione a Giulio: "Servono autorità e politiche comuni. Non illudetevi: l'Euro tiene solo se tiene la Grecia"

I Premi Nobel come Tremonti: "Solo gli Eurobond vi salveranno"
Da oggi Giulio Tremonti potrà dire di essere da Premio Nobel. Forse il ministro dell'Economia sotto sotto l'ha sempre pensato, ma la conferma, diciamo così, arriva direttamente da Christopher Sims e Thomas Sargent. I due luminari americani, premiati di fresco con il prestigiosissimo riconoscimento, almeno su una cosa la pensano esattamente come Giulio: "Soltanto gli Eurobond possono salvare l'Unione europea". Una posizione condivisa sia dal professore di Princeton sia dal collega della New York University, e nei mesi scorsi sbandierata ogni pie' sospinto anche dal tributarista di Sondrio. Eppure, quando Tremonti ne parlava in Europa, i tedeschi facevano finta di non sentire anche perché di fatto ogni presa di posizione dell'Ue avrebbe gravato sulle spalle economiche (solidissime, per ora) di Berlino. Dopo il vertice bilaterale tra Sarkozy e Merkel, però, qualcosa si potrebbe muovere. E i due recenti premi Nobel per l'Economia ribadiscono soprattutto un concetto: l'unità europea. Per Sims "le prospettive dell'euro sono cupe se alla Bce non si affianca un'autorità per i bond e le politiche fiscali", intentendo per autorità la creazione di un cervello finanziario-politico comune ai paesi dell'Unione, in grado di stabilire politiche economie e fiscali comuni e superare la parcellizzazione attuale. In coro, Sims e Sargent avvisano l'Europa: "Non illudetevi di poter salvare la moneta unica cacciando i Paesi più deboli". E Sargent ribadisce il concetto: "Se voi europei non credete nel vostro progetto, non è spezzando gli anelli più deboli che lo salverete". Un assist alla Grecia, e di rimbalzo pure a Tremonti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Veraleks

    11 Ottobre 2011 - 11:11

    Ma, gli eurobond sarebbero un premio agli spreconi ed ai cattivi amministratori.

    Report

    Rispondi

blog