Cerca

Dopo Draghi, Bini Smaghi in pole. Spunta anche Siniscalco

Nella rosa dei nomi fa capilone anche la Tarantola. Poi i 'soliti noti': Grilli e Saccomani

 Dopo Draghi, Bini Smaghi in pole. Spunta anche Siniscalco
Il nodo  dovrebbe essere sciolto oggi. Con la comunicazione ufficiale firmata da Silvio Berlusconi e indirizzata al consiglio superiore della Banca d’Italia. La lettera, salvo sorprese,  indicherà il nome del nuovo governatore.


 Il tira-e-molla sul successore di Mario Draghi (che ieri ha ricevuto il testimone dal francese Jean Claude Trichet per la guida della Banca centrale europea) va avanti da  quattro mesi. E la rosa dei candidati si è allargata (troppo) fino a sette nomi. Nel gioco dei favoriti, ieri sembrava in vantaggio Lorenzo Bini Smaghi. Una opzione che consentirebbe al premier di risolvere il nodo diplomatico con Parigi, che punta ad avere un posto nel direttivo Bce,  cioè quello occupato  dall’economista fiorentino.

Tuttavia su Bini Smaghi il Cavaliere potrebbe incassare il parere contrario del consiglio di Bankitalia. Che ieri, per bocca del membro anziano, Paolo Blasi,  ha  fatto sapere che non sarà semplice notaio del governo. Blasi ha rimarcato «la garanzia   che il candidato può dare sull’autonomia della Banca o la sua   esperienza nell’attività dell’istituto che oggi ha soprattutto   compiti ispettivi sulle banche in un momento di grande   turbolenza». Requisiti che non trovano riscontro nel curriculum di Bini Smaghi, che potrebbe andare a sbattere contro il «no »secco  di palazzo Koch provocando le dimissioni in blocco di tutti i consiglieri e forse del direttorio. Di qui l’ipotesi che da palazzo Chigi arrivi una terna.

Così, in serata, sono tornati a circolare con prepotenza i nomi di alti dirigenti interni. E in particolare quelli dei due vicedirettori generali, Ignazio Visco e Annamaria Tarantola. Mentre il dg, Fabrizio Saccomanni, in pole position per parecchie settimane e sponsorizzato dal premier,  avrebbe perso un po’ terreno, restando il favorito. A penalizzare il numero due di Draghi, secondo fonti vicine al dossier, sarebbe stato il lungo duello con il dg del Tesoro, Vittorio Grilli, spinto dal ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Per altri motivi, poi, avrebbero ormai meno chance sia Domenico Siniscalco sia Giuliano Amato.

Si cerca una soluzione che possa accontentare sia Berlusconi sia Tremonti. E che trovi il gradimento di Bankitalia. Resta in silenzio il Quirinale, cui spetta la firma finale dopo un iter tormentato  che è finito nel tritacarne della politica. I due leader dell’opposizione, Pier Luigi Bersani (Pd) e Pier Ferdinando Casini (Udc) hanno chiesto al governo di «rispettare l’autonomia» dell’istituto centrale. Mentre l’ad di Intesa, Corrado Passera, ha osservato che sarebbe stata preferibile una «nomina veloce». Il tempo scade il 31 ottobre. Il giorno dopo Draghi va a Francoforte e  scatta l’interim a Saccomanni.

di Francesco De Dominicis
 
 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • geisser

    20 Ottobre 2011 - 16:04

    A Roma piove e Tremonti pensa bene di non tagliare i costi della politica anzi di uamentrli prendendo in giro gli Italiani .Per PIOVE GOVERNO LADRO. Però ,io direi che è ora che Berlusca mostri finalmente di avere un pò di palle e non solo per scopi secondari. Mandi a casa Tremonti e risolva di un colpo solo questo intrico istituzuinale : Mandi a casa tremonti , nomini al suo posto Bini Smaghi e faccia governatore della Banca d'Italia Saccomanni che èla migliore scelta che questo paese può sperare comenuvo Governatore . Così Berlusconi e l'Italia d'un colpo solo si disfano del ricatto incrociato di Tremonti e di Sarkozy, che si crede Napoleone. fanno contenti non solo i neo nominati , ma anche il presidente della Repubblica ed il nuovo presidente della BCE.SVEGLIA!!!!!

    Report

    Rispondi

blog