Cerca

Via il Raìs. Adesso l'Italia rischia di perdere 10 mld

Il nostro sistema economico non può permettersi di perdere le partecipazioni libiche in Unicredit o in Finmeccanica.

Via il Raìs. Adesso l'Italia rischia di perdere 10 mld
Morto Gheddafi, finita la guerra. la politica vorrebbe far passare questo messaggio. In realtà la missione degli italiani inizia adesso. Non solo per motivi umanitari. Soprattutto per evitare che tutto ciò che gli accordi bilaterali tra Gheddafi e Berlusconi avevano sancito vada in fumo. A beneficio di Francia, Inghilterra e Stati Uniti.  I petroldollari sono infatti il motivo per cui in Italia e non solo un tempo si è passati sopra alla politica dittatoriale. La ragion di Stato in tempo di crisi ha spinto il piede sull'acceleratore delle alleanze. Loro, i libici, i soldi, noi il know how e la Cina - di gran carriera - a insediare entrambe le cose. Adesso più che mai il rischio è a) perdere i soldi investiti in Italia e potenzialmente diretti all’Italia; b) vederli rifluire fuori dai confini italiani verso paesi nemici; c) al tempo stesso vedere sciogliere la barriera maghrebina che ci difende dall’invasione economica cinese.


Il sistema economico tricolore in questo momento non può permettersi di perdere del tutto le partecipazioni libiche in Unicredit, la seconda banca d'Italia, o in Finmeccanica, la quarta società di difesa del mondo. E si parla di quattro miliardi nel primo caso e di oltre 100 milioni nel secondo.  Ma a valere per il sistema Paese non sono solo gli investimenti diretti. Ci sono pure quelli indiretti: un sacco di business in terra d'Africa. A cominciare dalla partita petrolifera che come contro altare ha la compartecipazione dell'Eni. Nel dicembre del 2008 la stessa presidenza del Consiglio annunciò la volontà della Libia di utilizzare società finanziare controllate dal governo, alias il clan di Gheddafi, per salire fino al 10% del Cane a sei zampe. Non bisogna dimenticare che la scalata del beduino di Tripoli all'Italia cattolica si deve in parte a Cesare Geronzi. Fu lui oltre tredici anni fa ad aprire sia il portone di Capitalia sia i salotti buoni di Roma. Anche se l'idea originaria non fu sua.

L'amicizia tra il leader libico e l'Avvocato Agnelli è senz’altro antecedente e ancora oggi dal punto di vista quantitativo vale il 7,5% della Juventus.  Come si comporteranno gli uomini del Cnt? Tra l’altro quasi tutti ex ministri di Gheddafi caduti in disgrazia nel corso degli ultimi anni.  Nel 2008 Impregilo ha vinto una gara da quasi un miliardo per costruire tre centri universitari nei pressi della capitale. Entro il 2012 si comincerà a capire che strada prenderà la cuccagna degli appalti futuri. Due grandi opere (metropolitana e ferrovia) che da sole valgono più o meno 7 miliardi di euro sono una incognita di difficile risoluzione. La storia insegna che le infrastrutture, quando ci sono i soldi, sopravvivono ai cambi di regime perché servono al territorio. Bisogna però presidiarlo anche militarmente se non si vuole rimanere a mani vuote e perdere opportunità per almeno 10 miliardi.

di Claudio Antonelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    22 Ottobre 2011 - 10:10

    Bacchetta l'Italia, maltrattala: non ti puoi sbagliare. Sarko dà ultimatum; la Merkel non ci guarda; gli altri voltano lo sguardo altrove. Le bacchettate non hanno fatto rosso il lato B del Premier?

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    22 Ottobre 2011 - 10:10

    In Libia abbiamo insediato i campi umanitari,e,in Italia abbiamo tanti profughi da tenerci.Cosa vogliamo di più ?

    Report

    Rispondi

  • Amiba

    21 Ottobre 2011 - 17:05

    Questo è il risultato disastroso di una polica estera scellerata, portata avanti da Frattini e Berlusconi. Voglio ricordare a tutti che mentre le altre potenze occidentali preparavano la caduta del regime, Inghilterra e Francia in testa, il nostro abilissimo capo del governo baciava le mani del dittatore Geddafi, completamente ignaro di tutto ciò che stava per accadere. Ma dove volete che si vada a finire con gente così? Io glieli farei tirare fuori dalle tasche a Berlusconi quei 10 miliardi. Non vuole la responsabilità civile per i magistrati? Bene, cominci a dare lui il buon esempio!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    21 Ottobre 2011 - 16:04

    Ora é il momento di spiegare agli italiani che ''la finanza pubblica é a posto''; ''i conti sono in regola''; ''le banche sono solide'', ''l'economia sta andando bene''. Forza Don Silvio, spiegacelo; insegnaci come si dicono le bugie...tipo quelle delle cene eleganti mqangiandosi pure la gnocca (o gli gnocchi)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog