Cerca

Se si fa male un caposquadra

non è colpa del titolare

Se si fa male un caposquadra
Un caposquadra deve saper badare a se stesso: per questo la Cassazione ha negato la richiesta di risarcimento danni avanzata da un lavoratore vittima di un infortunio sul lavoro (Cass. 15 dicembre 2008, n. 29323). Per i giudici, infatti, il lavoratore con mansioni di caposquadra è responsabile della sua sicurezza, in quanto preposto e appositamente addestrato in materia di sicurezza (il D.P.R. 27.04.1955, n. 547 e il D.Lgs. 19.09.1994, n. 626). Il lavoratore con mansioni di caposquadra aveva fondato il suo reclamo sull'oggettiva pericolosità dei luoghi che dovevano essere controllati dal datore di lavoro, che è di fatto tenuto ad adottare le misure necessarie a tutelare l'integrità fisica dei dipendenti (art. 2087 c.c.). Il lavoratore era precipitato per circa 7 metri a causa di un’asse marcia delle travi sulla quali stava camminando, invece di usare le apposite scale. Tuttavia la Cassazione ha dato ragione all’imprenditore e ha attribuito la responsabilità al caposquadra stesso, dopo aver accertato che come preposto avesse svolto un corso di addestramento in materia di sicurezza.

Gabriele Fava

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog