Cerca

Piazza Affari riduce le perdite Nuovo record per lo spread

Apertura in rosso per la Borsa, il differenziale tocca quota 462 punti. I fari dei mercati sono puntati sul vertice di Cannes del G20

Piazza Affari riduce le perdite Nuovo record per lo spread
Piazza Affari riduce le perdite a un’ora e mezza circa da un avvio di seduta in profondo rosso. Alle   10.30 il Ftse Mib segna -0,33% e l’All Share -0,27%. In apertura Il  Ftse-Mib perdeva il 2,36% a 14.912,92 punti mentre il Ftse All-Share cede il 2,27% a 15.748,35 punti con il settore bancario protagonista in negativo. Anche i listini europei aprono di nuovo in  flessione Parigi e Francoforte cedono oltre il 2%.

Nuovo record
Sfonda la soglia dei 460 punti lo spread dei Btp italiani rispetto al bund tedesco. Il differenziale ha toccato quota 462 punti, con il titolo decennale che ha raggiunto un rendimento del 6,4%

Le speranze di ieri Ieri, dopo il martedì nero delle borse c'era grande apprensione per conoscere la reazione dei mercati nel Vecchio Continente. La risposta di Piazza Affari è discreta, con la chiusura in segno positivo a +2,31 per cento. Una giornata comunque nervosa, con il tentativo di rimbalzo in apertura, l'indice d’area che guadagna quasi un punto percentuale, il calo successivo (fino a +0,39%) e la risalita finale. Ma l’attenzione è tutta rivolta al G20 di Cannes di domani e al pre-vertice di oggi con Sarkozy e la Merkel, che vedranno il premier greco Papandreou e il presidente della Bce, Mario Draghi.

Ultimatum ad Atene -
Ma i fari dei mercati continentali sono puntati, come detto, su Cannes. Dopo aver annunciato l'intenzione di indire un  referendum sul piano di salvataggio negoziato con l'Europa, Atene rischia seriamente il default entro Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Cosean

    03 Novembre 2011 - 13:01

    se la borsa ha recuperato e lo spread no, vuol dire che la crisi non è dovuta alla Lehman Brother ma all'Italia! Occorre un poco di attenzione, ma forse si può cominciare a capire!

    Report

    Rispondi

blog