Cerca

La piattaforma che unisce produttori italiani e acquirenti stranieri

Nasce www.madeinitaly.gov.it: un'iniziativa del ministero dello Sviluppo Economico per aiutare le nostre piccole e medie imprese

La piattaforma che unisce produttori italiani e acquirenti stranieri
Via libera a www.madeinitaly.gov.it, la piattaforma di e-commerce che da oggi, martedì 8 novembre, metterà in contatto diretto produttori italiani e acquirenti esteri, dando così possibilità alle nostre imprese di vendere on line i propri prodotti alla grande distribuzione, a negozi, ristoranti e singoli consumatori. Ad annunciarlo è il viceministro dello Sviluppo Economico, Catia Polidori. Il progetto è stato realizzato dal ministero dello Sviluppo economico, Reteitalia Internazionale e Poste italiane.

"Aiutiamo milioni di Pmi" - "Grandi opportunità in arrivo per le nostre pmi", afferma il viceministro Polidori. "Con questo strumento - dice Polidori - infatti aiutiamo milioni di piccole imprese italiane, prive di un proprio marchio, a vendere sotto il grande cappello di 'Mamma Italia' e raggiungere così i mercati più distanti, lì dove si stanno riposizionando i consumi. È un dato di fatto che i nuovi acquirenti del made in Italy sono a latitudini sempre più lontane, oltre 300 milioni di persone nei paesi emergenti che nei prossimi 15 anni raggiungeranno livelli di reddito comparabili ai paesi Ocse. Ed è esattamente in questa direzione- conclude il viceministro- che stiamo indirizzando tutto il nostro impegno".

La sezione per gli stranieri - Il portale ufficiale del Made in Italy consentirà infatti ai visitatori stranieri di scegliere, attraverso un percorso guidato, i prodotti di proprio interesse, selezionandoli tra i numerosi in vetrina. Una sezione ad hoc sarà riservata alla rubrica Send us your business proposal, dedicata agli operatori stranieri che offrono a ditte italiane proposte di affari commerciali e di collaborazione industriale. Ad oggi sono oltre 7000 le aziende che, in vista dell'apertura del sito, sono transitate sul sistema.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog