Cerca

Bini Smaghi 'scappa' negli Usa Finita la telenovela Bce

Il banchiere che ha messo nei guai Berlusconi con Sarkò molla la Bce: posto a Harvard. Napolitano: "In piena libertà"

Bini Smaghi 'scappa' negli Usa Finita la telenovela Bce
Lorenzo Bini Smaghi si è dimesso dal board della Banca centrale europea e andrà a lavorare all'università americana di Harvard, presso il Centro Affari Internazionali. Si conclude così, con un colpo di scena, un intrigo diplomatico che va avanti da inizio estate. Da quando, cioè, la Francia ha dato il nulla osta all'elezione di Mario Draghi alla presidenza della Bce in cambio di un posto nel board per un rappresentante francese. Quel posto era occupato proprio da Bini Smaghi, che in carica dal 2005 avrebbe concluso il mandato nel maggio 2013. Il governo italiano aveva promesso le sue dimissioni, senza però riuscire ad ottenerle. Caso diplomatico amplificato dalla mancata nomina di Bini Smaghi a governatore di Bankitalia. Il presidente francese Sarkozy non ha rinunciato a sottolineare pubblicamente, durante i vertici europei, "il mancato rispetto dei patti" da parte del premier Berlusconi. 

Soddisfazione generale - Il presidente Draghi, si legge nella nota della Bce che ha comunicato la notizia, "ringrazia caldamente Bini Smaghi per i contributi che ha offerto in molti anni nel settore degli affari economici e monetari europei e internazionali". "Con la decisione resa pubblica oggi - aggiunge il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che questa sera ha avuto un colloquio telefonico con il collega americano Barack Obama -, il dottor Lorenzo Bini Smaghi ha dato limpida conferma del suo attaccamento al principio e al valore dell’indipendenza della Banca Centrale Europea. E' in piena libertà e dando prova di assoluto disinteresse personale che egli ora annuncia le dimissioni da membro del Board esecutivo e del Governing Council della Bce".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cioccolataio

    11 Novembre 2011 - 09:09

    La nomina al board della BCE e' decisa dai Governi e quindi, almeno in parte perche' la persona prescelta deve essere qualificata, e' di origine politica. Tuttavia, una volta eletti, si risponde solo a se stessi, per definizione la BCE deve essere indipendente dalla politica, che non puo' e non deve ottenere tutto. I sorvegliati non possono decidere sui sorveglianti. Male fece Sarkozy a richiedere le dimissioni di Bini Smaghi e malissimo fece Berlusconi ad accettarne la volonta', mentre invece Bini Smaghi ha fatto solo il suo dovere a non andarsene su pressioni politiche. Ora che Berlusconi in pratica non c'e' piu', puo' andarsene, proprio nel periodo di interregno tra un PdC e un Ltro, , senza aver ceduto ai politici. Ma ormai a queste cose semplici e corrette sembra che non ci arrivi piu' nesssuno, siamo tutti contaminati dalla politica!

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    10 Novembre 2011 - 22:10

    Bini Smaghi, non mollava il posto alla BCE solo e semplicemente perchè a chiederglielo era Berlusconi. E' bastato che l'ombra del Berlusca vacillasse e lui ha lasciato il posto per non ostacolare quello che sarà il nuovo Governo. Per molti Tifosi del CDX sarò l'ennesima prova del complotto ordito contro Berlusconi. Per le persone obiettive solo la prova di quantoi Berlusconi fosse ormai diventato scomodo.

    Report

    Rispondi

  • beppazzo

    10 Novembre 2011 - 21:09

    Da dove è uscito? Lavorava con Otelma?

    Report

    Rispondi

  • opzionemib0

    10 Novembre 2011 - 21:09

    se va bene lo avranno minacciato negli affetti famigliari. minimo. oppure lo avranno minacciato di far apparire uno scandalo a sfondo sessuale. la feccia non si ferma.

    Report

    Rispondi

blog