Cerca

Sarkò prima rideva, ora piange: La Francia è sotto attacco

La Borsa di Parigi precipita, lo spread tra i titoli di Parigi e quelli tedeschi schizzano al record storico. Nicolas è all'angolo, con il voto alle porte

Sarkò prima rideva, ora piange: La Francia è sotto attacco
Tempesta sui mercati italiani, ma comincia a delinearsi la sagoma della prossima vittima designata della finanza internazionale: la Francia. Mentre schizza lo spread tra i Btp e i Bund tedeschi, a Parigi si comincia a respirare l'aria acre della speculazione. Nicolas Sarkozy ha fatto di tutto, compreso offrirsi come improbabile mediatore nell'arcobaleno politico italiano, pur di ottenere l'etichetta di muro portante - insieme alla locomotiva tedesca - di un'Unione europea che traballa come mai le era successo. Ma le parole e le boutade di Sarkò non bastano. Quel che conta sono le cifre, e le cifre dicono che il debito pubblico transalpino è quasi pari al nostro e che la crescita del Paese è stagnante.

Giù la Borsa - I dati macroeconomici ci mettono poco a far sentire le loro ripercussioni sulla Borsa di Parigi e sui titoli di Stato francesi. Così l'indice Cac-40 accelerava al ribasso sia per i timori di un limitato sostegno politico in Italia al governo guidato da Mario Monti, sia per il fatto che le banche francesi sono le più esposte verso la Grecia, prima candidata al crac, eventualità sempre più concreta nei giorni più caldi per la moneta unica. Perdevano così terreno i titoli bancari, con Bnp Paribas che lasciava sei punti percentuali e SocGèn che, pur avendoci ormai abituati alle montagne russe, perdeva un altro 4,2 per cento. Infine il terzo colosso, Credit Agricol, che scivolava di 3,7 punti percentuali.

Sù lo spread - L'altro segnale d'allarme, che noi in Italia nostro malgrado ben conosciamo e temiamo, è quello dello spread, il differenziale di rendimento. La pietra di paragone resta sempre l'inossidabile Bund tedesco: i titoli francesi, rispetto alle cedole di Berlino, hanno raggiunto il record storico di uno spread a 182 punti base, cifre lontane rispetto a quelle toccate dai nostri Btp ma che indicano come la galoppata (in negativo) delle Obligations Assimilables du Trésor (gli Oat) pare essere inesorabilmente iniziata. Malissimo anche il differenziale dei titoli del Belgio, schizzato a quota 302 punti base. L'attacco all'Eurozona allarga i suoi orizzonti, e il futuro della moneta unica non è mai stato così precario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    16 Novembre 2011 - 19:07

    E' possibile che ci sia un più o meno tacito accordo tra gli altolocati nella finanza internazionale che vogliono manovrarci come burattini per i loro reconditi scopi?

    Report

    Rispondi

  • itz10pf

    15 Novembre 2011 - 23:11

    Magari adesso il giullare si precipitera' a bombardare la Siria o l'Iran per far vedere quanto e bravo e grande.

    Report

    Rispondi

  • dioscimmia

    15 Novembre 2011 - 22:10

    voi,la destra, che per poco non riducevate il nostro paese come la grecia volete dare lezioni di economia a francia e germania?? siete patetici........

    Report

    Rispondi

  • longhma

    15 Novembre 2011 - 21:09

    Abbiamo ancora dei Circhi in Italia a cui ti puoi aggregare.... (come pagliaccio pero' !!!)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog