Cerca

L'Euro ora è sotto attacco: cosa ci succede se cade

New York Times: molti istituti preparano piani di emergenza per affrontare la crisi dell'Eurozona. Dagli stipendi alle case, cosa accadrà

L'Euro ora è sotto attacco: cosa ci succede se cade
La possibilità del fallimento dell'Eurozona non è più uno scenario possibile. Ora sta diventando una possibilità concreta soprattutto dopo l'allarme lanciato dall'agenzia di rating Fitch in cui annuncia il taglio del rating di 8 banche italiane: Bpm, Bper, Popolare di Sondrio, Credito Emiliano, Credito Valtellinese, Veneto Banca, Banca Popolare di Vicenza e Banca Popolare dell'Etruria e del Lazio. Per tutti e otto gli istituti di credito l'outlook è negativo. Nonostante le rassicurazioni incassate da Francia e Germania a Bruxelles, i mercati non sono più disposti ad aspettare. per questo le grandi banche del mondo si stanno preparando al piano B. Il New York Times, di oggi scrive infatti che molti istituti di credito (tra cui Merrill Lynche e Barclays Capital) hanno pubblicato decine di rapporti in cui esaminano la possibilità di un crollo dell'Eurozona. Stanno preparando dei piani di emergenza.

Reazioni - "Ma le banche dei grandi paesi dell'eurozona che solo recentemente sono stati infettati dalla crisi non sembrano essere così agitate. Banche in Francia e Italia in particolare, - si legge ancora nell'editoriale de The New York Times- non starebbero creando piani di backup per la semplice ragione che essi hanno concluso che è impossibile che l'euro possa crollare. Sebbene banche come Bnp Paribas, Sociètè Gènèrale, UniCredit ed altre hanno recentemente scaricato decine di miliardi di euro di debito sovrano europeo, il pensiero è che ci sono pochi motivi per fare di più".  "Le authority degli Stati Uniti -continua ancora l'editoriale- stanno incalzando le banche americane come Citigroup ed altri istituti, a ridurre l'esposizione verso l'eurozona. In Asia, le autorità di Hong Kong hanno intensificato il monitoraggio dell'esposizione delle banche straniere e nazionali alla luce della crisi europea".

Ripercussioni - Inevitabile chiedersi quali ripercussioni avrà sulle nostre tasche, sui nostri conti, l'ipotesi peggiore: il fallimento dell'euro. La prima, immediata, conseguenza è la perdita dei valore dei nostri beni mobili e immobili. Gli stipendi, il valore delle case, i conti correnti subirebbero un'inevitabile contraccolpa dal passaggio dall'euro alla lira.Altrettanto irrimediabile sarà lo spostamento di ingenti somme di capitali dall'Italia verso Paesi considerati "sicuri" come la Svizzera con una perdita ulteriore per l'economia. Il sistema bancario sarebbe definitivamente messo in crisi da uno scenario simile: gli istituti di credito sarebbero costretti ad ottemperare agli impregni internazionale con la moneta forte, mentre sarebbero alimentate da quella debole. Unici che potrebbero trarre vantaggio sono le imprese esportatrici che avrebbero quindi degli incassi in euro mentre pargherebbero tasse, affitti, salari degli operai in lire. 

I costi -  L'eurocrac costerebbe 10mila euro a italiano  L'uscita traumatica dall'euro di alcuni Paesi, quelli il cui debito sovrano è sottoposto al tito incrociato della speculazione è ben più che un'ipotesi fantapolitica. La rottura dell'attuale equilibrio monetario ha dei costi che si spalmerebbero un po su tutti. E non soltanto nei cosiddetti Paesi Piigs, l'acronimo con cui gli analisti hanno accomunato Portogallo, Irlanda, Italia Grecia e Spagna, giocando sull'assonanza con la parola “Pigs”, vale a dire maiali. Uun gruppo di analisti della sede londinese di Ubs ha quantificato i costi. Su ogni italiano peserebbe una cambiale di circa 10mila euro l'anno per almeno un decennio. Se invece dovesse saltare tutto il sistema della moneta unica i costi scenderebbero.

La nuova lira La nuova lira partirebbe svalutata del 50% rispetto al cambio attuale. Così per fare un euro ci vorrebbero circa 3.000 lire. Poco meno per comprare un dollaro. Gli effetti del deprezzamento delle nostre merci che renderebbero convenientissimo il Made in Italy su tutti principali mercati europei verrebbero però azzerati da dazi doganali di almeno il 50% che i i Paesi del Nord Europa imporrebbero subito. In compenso ci troveremmo a pagare carissimo il petrolio che importiamo (tutto) e questo scatenerebbe un'inflazione a due cifre. Sicuramente superiore al 10%. Diventerebbe insostenibile per le nostre finanze anche il perso dei titoli del debito pubblico emessi in euro, destinati a rimanere in circolazione. Senza contare gli interessi, pure questi non inferiori al 10%. Gli analisti di Ubs non escludono l'insorgere di violenti disordini sociali che potrebbero portare addirittura a alla guerra civile.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    02 Dicembre 2011 - 15:03

    Se torniamo alla vecchia cara lira,ne guadagneremo tutti. IN PARTICOLARE se a stamparle NON sono le banche ma la ZECCA DI STATO.L'unica pecca negativa è che il referendum sul nucleare è stato bocciato.

    Report

    Rispondi

  • brunello.faraldi

    02 Dicembre 2011 - 12:12

    Non credo a queste ipotesi tragiche.La tragedia è avvenuta quando abbiamo cambiato moneta. I costi in italia sono raddoppiati di colpo con gli stipendi sempre ai valori di prima. Come mai continnuate a contar balle sui pozzi petroliferi italiani.Se non rendono petrolio chiudeteli,oppure li avete dati in concessione ai soliti dispensatori di democrazia (americani),senz'altro dopo aver ottenuto qualche regalino.Un paio di anni fa in sicilia cercarono di prendere petrolio anche ditte texane.Se non ce ne fosse verrebbero cosi da distante a buttare soldi a mare?Anche voi giornalisti cercate di essere informati,non prendere tutto per oro colato.

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    29 Novembre 2011 - 14:02

    scrivi " io vedo manovre OSCURE in tutto,con intenti ben precisi di che? far far soldi,solo a qualcuno!!" . Io no. Io vedo solo della gente MOLTO al di sotto dei compiti che aveva (ed ha) che, presi da una non tanto inspiegabile voglia di protagonismo e seguendo i propri istinti burocrateschi, ha messo insieme sulla carta un oggetto misterioso che è andato tranquillamente avanti finchè non c'è stato uno scossone. Guarda chi sono stati i padri dell' Euro e chi i firmatari ed i sostenitori a spada tratta: non ci troverai un nome di spicco, ma il gotha della sinistra-cachemere, con il prof. Prodi in testa. Finchè la locomotiva americana ha coperto tutto tirando furiosamente le economie occidentali tutto è andato bene. Quando i subprime e Lehman poi hanno dato lo scossone, gli USA sono ripartiti, sbuffando un poco, e l' Euro è deragliato. Non ci credi ? beh lo stesso Istat ha dimostrato che la ricchezza italiana è CALATA dal 1999, non certo quella USA. E lo stesso vale per tutti.

    Report

    Rispondi

  • cate08

    29 Novembre 2011 - 14:02

    Mi stupisce che nessuno sottolinei che se l'Italia si trova in questa situazione dobbiamo ringraziare chi ci ha governato (malgovernato) sino a ieri. Le tasse pagate dai soliti noti, evasori sempre tutelati, soldi spesi male quando non bruciati. Questo è il vero problema dell'Italia! Se non impariamo tutti a pretendere una gestione corretta dei nostri soldi, cacciando dal governo centrale e locale (e dagli enti statati tutti) chi pensa solo a spendere per avere voti, i mazzettari, i tangestisti, gli incapaci..insomma i disonesti, non ne verremo mai fuori!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog