Cerca

Nel 2012 arriva la recessione: ecco come possiamo salvarci

L'Ocse: Pil in calo, disoccupazione in aumento. Il consiglio a Monti: puntare al pareggio di bilancio nel 2013

Nel 2012 arriva la recessione: ecco come possiamo salvarci
Sarà un anno di recessione il 2012 per l'Italia con un calo dello 0,5%. Per il quarto trimestre di quest'anno l'Ocse prevede una crescita per l'Italia pari allo 0,1% mentre nello stesso periodo del 2012 la stima vede un calo dello 0,3%. Il pil aumenterà solo nel 2013. E' una fotografia dell'Italia molto nera quella scattata dall'Ocse. La crescita del Pil, si legge nel capitolo del rapporto dedicato all’Italia, "sarà in qualche modo più alta se l’azione decisiva del nuovo governo porterà giù in fretta gli spread e ripristinerà la fiducia. Tuttavia la programmata stretta di bilancio è molto severa, richiederà una forte determinazione da parte del nuovo governo e potrebbe avere effetti di contrazione più forti di quelli da noi previsti". 

Suggerimenti - Tra i suggerimenti che l’Ocse dà al governo Monti c'è quello di puntare dritto al pareggio di bilancio nel 2013, di ridurre il debito e mettere in fretta in cantiere le riforme strutturali per rafforzare la crescita economica. Il governo Monti, si legge nel rapporto dell’Ocse, "ha poco spazio di manovra nell’azione di bilancio". Deve rafforzare il consolidamento e, se necessario, "introdurre ulteriori strette di bilancio per rimettere in ordine i conti". La strada da seguire è quella di un "restringimento della spesa, piuttosto che aumentare le tasse". "Nuove amnistie fiscali sarebbero controproducenti". Per quanto riguarda le riforme strutturali l’Ocse suggerisce al governo Monti andare avanti "il più presto possibile" con il programma tracciato dalla lettera di intenti che il governo Berlusconi ha scritto all’Unione europea.

Lavoro - Preoccupanti anche i dati sulla disoccupazione che è in aumento: si attesterà intorno al 8,3%. E, proprio per quanto riguarda il mercato del lavoro occorre "aumentare la flessibilità e ridurre la frammentazione del mercato". "Imperativa" la moderazione salariale e per il pubblico impiego "un buon segnale" sarebbero "tagli dei salari nominali e differenziazioni regionali". Inoltre l’Ocse spinge il governo a migliorare la competitività del sistema liberalizzando le professioni liberali e i servizi all’impresa. "La privatizzazione dei servizi pubblici locali - si legge nel rapporto - e la creazione di regolatore indipendente migliorerebbero l’efficienza". Un aiuto alla concorrenza e un sollievo per il debito pubblico potrebbero venire da "privatizzazioni a livello nazionale" e da misure per favorire l'ingresso di investitori stranieri anche nel settore finanziario. La crescita del Pil, si legge nel capitolo del rapporto dedicato all’Italia, "sarà in qualche modo più alta se l’azione decisiva del nuovo governo porterà giù in fretta gli spread e ripristinerà la fiducia.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • titaoit

    30 Novembre 2011 - 03:03

    Egregi amici Sn rimasto folgorato dall'idea di tassare il contante per far emergere tutto il nero..Nn vi sembra attualizzabile? Fr.sco RICHICHI

    Report

    Rispondi

  • antonimo

    28 Novembre 2011 - 23:11

    Le ricette OCSE sono incredibili ed oltraggiose per chiunque abbia un minimo di intelligenza! Poiché nessuno sano di mente può realmente pensare che la crisi dell'euro si possa risolvere con la "liberalizzazione" delle professioni, costoro o sono degli sciocchi o ci prendono in giro. Le liberalizzazioni suddette servono solo alla Marcegaglia in quanto vuole mettere le mani sul "mercato" delle professioni liberali e non come dice, mentendo, per aprire ai giovani. Se si vuole salvare l'euro, secondo il modesto parere del sottoscritto che peraltro esercita una professione liberale, una possibile via sarebbe quella della svalutazione dell'euro, e non quella della svendita dei beni pubblici che tanta gola fanno al pseudo-capiatismo italiano che riesce a stare impiedi solo in quanto è diventato "riscossore di bollette" per conto di quello stato che la sig.ra Marcegaglia ed altri come lei stanno facendo di tutto per mandare in malora.

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    28 Novembre 2011 - 23:11

    Se ci troviamo conciati così è perché i politici di professione o di lunga data sono stati degli incapaci O FORSE NO, anzi ci han saputo fare per gli interessi di qualcuno. Quello che ci ha portato in Europa non è l'ultimo arrivato come potrebbe apparire, prima ha gestito l'IRI e poi l'han fatto persino Presidente Europeo come ricompensa per il suo lavoro per l'Euro. Non sappiamo come son andate veramente le altre cose, ma è riuscito a far lavorare la gente a metà costo visto che tutto è raddoppiato, tranne gli stipendi o le pensioni.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    28 Novembre 2011 - 20:08

    Siamo impegnati per la nomina dei sottosegretari. Ma se è un governo d’emergenza, c’è proprio bisogno di sottosegretari? Nuove nomine? Politici? Tecnici? Non ci interessa! Lo farà un governo politico e a suo tempo. Si deve approvare la lista della spesa di Frau Merkel, pena l’accusa ancora una volta, di lassismo. C’è forse sempre quel famoso trucco?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog