Cerca

Stangata da 830 euro l'anno per famiglia. Tasse al 47%

I calcoli della Cgia di Mestre sul decreto definitivo: 2.500 euro per famiglia in 3 anni. Pressione fiscale a livelli inauditi

Stangata da 830 euro l'anno per famiglia. Tasse al 47%

La manovra lievita, la stangata cresce, la pressione fiscali sale a livelli inauditi: è al 47 per cento. Dopo le anticipazioni della conferenza stampa passata già alla storia del nostro paese per il pianto del ministro delle Lacrime, Elsa Fornero, si è potuto spulciare nel cosiddetto decreto salva-Italia. E tra balzelli e imposte che sputnano come funghi, puntuali, arrivano anche i conti fatti in tasca agli italiani della Cgia di Mestre: il decreto del governo MOnti da poco più di 20 miliardi di euro previsti nel triennio 2012-2014 è volato fino a circa 63 miliardi. La spesa media per una famiglia italiana? Sarà di 830 euro l'anno, complessivamente 2.500 euro nel triennio.

Maggiori entrate e tagli - Questi i calcoli della Cgia, che sottolinea come la manovrà darà luogo a una correzione del deficit per un importo di circa 20 miliardi nel 2012 e di altri 21 miliardi per ciascuno dei due anni successivi. Per essere puntigliosi, la stangata del professore avrà un effetto di 62,9 miliardi: le maggiori entrate rappresentano circa il 70% della manovra, mentre le minori spese ammonteranno circa al 30 per cento.

Gli effetti complessivi - "Secondo una nostra stima - ha commentato Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia di Mestre - nel triennio 2012-2014, l'impatto medio  su ciascuna famiglia italiana sarà di quasi 2.500 euro, poco più di 830 euro all'anno. Se agli effetti economici della manovra Monti aggiungiamo anche quelli esplicati dalle due manovre d'estate redatte quest'anno dal Governo Berlusconi, l'effetto complessivo, nel periodo 2011-2014, sale a addirittura a 208 miliardi di euro. Pertanto, il costo che ogni nucleo familiare dovrà farsi carico nel quadriennio 2011-2014, sarà pari a 8.266 euro, poco più di 2.000 euro all'anno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    14 Dicembre 2011 - 16:04

    mi ricorda la consob quando i titoli azionari diventavano carta straccia... parla parla parla... e poi? gnam gnam gnam ma ... monti va in taxi? FN

    Report

    Rispondi

  • alvit

    09 Dicembre 2011 - 08:08

    Durante un periodo non molto lontano, c'era un gruppuscolo di farabutti e forse anche di gente convinta, che perversava su tutte le città e che i governanti del tempo, temevano fortemente. Avevano una paura enorme di venire gambizzati o ancora peggio, di finire sottoterra. Si ribellavano alla gestione dei partiti e della mancanza della famosa equità sociale. Ora siamo finiti dalla padella alla brace, ora ci hanno passato ben bene sulle braci e ci hanno portato via anche gli spiccioli. Sperate che ciò non ritorni in maniera più forte, e se ritorna, non ritornerebbe solo dall'estrema sinistra oltranzista, che in quel periodo si sentiva tagliata fuori, ritornerà anche da destra e dal centro. Ci hanno colpito con un governo non eletto e con una dittatura presidenziale. Il komunista del colle e' al coperto, per lui non cambia nulla, ma i ricchi rimarranno ricchi e il ceto medio diverrà povero. Rimarranno pochi e eletti in combutta con il governo tecnico che poveri non sono. Stiano attenti.

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    08 Dicembre 2011 - 19:07

    dovendo dare un voto da 1 a 10 a monti per questa bella manovra partorita per l,80 % a spese dei più debboli, il mio voto è zero meno meno meno meno ma molto meno ed ancora meno.- ma come si fà ad riintrodurre l,ici con l,innalzamento del 60 % delle rendite catastali.- povere agenzie immobiliarie quando venderanno più un appartamento - mai più e questo grazie ai super tecnici usciti dalla bocconi ed a proposito di questa dico che il monti ha fatto una pessima propaganda per la bocconi perchè se questi sono i tecnici che sforna, povera italia.- ma , che razza di governo è questo - - chi l,ha eletto è un governo nominato quindi per me non dà fiducia. io, ero daccordo per qualche aumento delle tasse - ma aumento dato da un governo eletto dai cittadini - ma così.............................

    Report

    Rispondi

  • vgrossi

    08 Dicembre 2011 - 18:06

    dite bye bye al PIL, e sventolate un fazzolettino ricamato. Non bisogna esser geni per capire che con il PIL in brutta e LUNGA RECESSIONE, ed il debito NEMMENO SCALFITO la situazione debito/PIL andrà alle stelle. E ci saranno altre manovre, ed altre ancora, finchè come osservava il Wall Street Journal ieri, si "arriverà al sangue nelle strade". Ma la manovra ci ha "salvato dal precipizio", vero ? Ditemi che sbaglio, e ne sarò felice

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog