Cerca

Borsa, Milano in negativo

La Bce: "Giù i tassi"

Borsa, Milano in negativo
La crisi economica preoccupa sempre più il presidente della Banca Centrae Europea Jean Claude Trichet, tanto da spingerlo a effettuare ulteriori tagli d'interesse di Eurolandia, nonostante  le misure prese finora dalla Banca centrale europea siano state già "molto decise". Da Città del Messico  Trichet ha spiegato che "i tassi principali non sono al loro livello minimo e potrebbero diminuire ulteriormente". A lui fa eco Erkki Liikanen, membro del consiglio direttivo della Bce e responsabile della Banca di Finlandia, che sottolinea che "si possono abbassare tutti i tassi chiave", aprendo di fatto la strada a un taglio del tasso sui depositi allo 0%. "La Bce non ha ancora utilizzato tutto il suo spazio di manovra nella politica dei tassi d'interesse", dice Liikanen, e "questo riguarda tutti i tassi chiave".
Lo scorso ottobre la Bce ha tagliato i tassi di 275 centesimi, portando il tasso principale sui rifinanziamenti all'1,50%. Il tasso sui depositi è fissato un punto percentuale al di sotto del tasso principale, ed è ora allo 0,5%. Un eventuale taglio dei tassi di mezzo punto porterebbe dunque allo zero il tasso sui depositi, che è quello con cui la Bce remunera la liquidità in eccesso depositata sui suoi conti dalle banche commerciali.

Intanto le Borse europee, dopo un avvio nel segno più, hanno virato in negativo: in particolar modo a Piazza Affari il Mibtel cede lo 0,29% a 12.641 punti e lo S&P/Mib lo 0,40% a 15.748 punti. Amplia il calo Intesa Sanpaolo (-3%), Mediobanca cede l'1,52% e Unicredit l'1,21 per cento. In ribasso Eni (-0,41%). Sempre sugli scudi Mediolanum (+9%). Corre Banco Popolare (+7,7%).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ilcantodelgrillo

    24 Marzo 2009 - 21:09

    Alla "tipografia europea" tanto non costa nulla. La BCE stampa carta moneta al costo di pochi centesimi a banconota e poi la cede in prestito agli Stati che pagano poi il valore nominali attraverso obbligazioni con sangue sudato da lavoratori!! Bella forza!! La BCE stampa carta straccia senza riserva aurea e tiene in scacco le Nazioni. Torni il potere alle banche centrali nazionali!! Pace e.. bere (?)

    Report

    Rispondi

blog

Attilio Barbieri
sds

sds

di Attilio Barbieri