Cerca

Ecco il Grande Fratello fiscale: Serpico lavora dal 1° gennaio

Il maxi-computer al servizio dell'Erario conoscerà tutti i vostri movimenti: segreto bancario semplicemente non esiste più

Ecco il Grande Fratello fiscale: Serpico lavora dal 1° gennaio

Che il Grande Fratello fiscale abbia inizio. La data prescelta è quella del primo gennaio 2012, quando inizierà la guerra senza quartiere ai furbetti: il segreto bancario, semplicemente, non esisterà più: i titoli che abbiamo in banca e tutte le operazioni sopra i mille euro, per l'Erario, saranno a portata di mano. A spiare sarà Serpico: un maxi-computer da un milione di miliardi di byte di memoria che, dai sotterranei della Sogeui, funzionerà per 24 ore al giorno e per sette giorni su sette. Mario monti spera, grazie a Serpico, di svoltare definitivamente nella lotta all'evasione fiscale. L'obiettivo è quello di utilizzare le 22mila informazioni al secondo che transitno nel cervello elettronico della macchina per recuperare parte dell'evaso annuo, stimato attorno a 120 miliardi di euro.

I controlli - Serpico, per inciso, è l'acronoimo di 'Servizi per i contribuenti'. La macchina già da 5 anni è al lavoro, e secondo i tecnici ha contribuito a raddoppiare, da 5 a 11 miliardi, le cifre recuperate dall'Erario; sarebbero stati smascherati 350mila evasori totali. A Serpico sono collegate tutte le banche dati di catasto, demanio, motorizzazione, Inps, Inail, dogane e registri; per ogni contribuente c'è una schermata con le ultime cinque dichiarazioni dei redditi, nonché tutte le utenze (luce, gas, acqua), le spese voluttarie più significative, le polizze assicurative, le operazioni in cui è stato richiesto il codice fiscale e perfino l'iscrizione a servizi quali la palestra o gli Yacht club della Costa Smeralda.

La novità - Ma tutto questo già c'era. La vera novità che accresce la potenza di Serpico, novità introdotta dal governo tecnico, è la fotografia dei soldi che teniamo in banca e dei movimenti dei conti correnti (tutte le operazioni sopra milel euro). Per scoprire gli evasori, il Grande Fratello fiscale riceverà l'aiuto di duemila server che incrociano i dati e verificano le anomalie: una volta individuato un personaggio sospetto inviano l'allarme informatico all'agenzia delle Entrate. Per intendersi, Serpico, in un battito di ciglia ha individuato 518 proprietari di aerei e 42mila titolari di barche superiori ai 10 metri che dichiarano meno di 20mila euro e che ora sono finito sotto accertamento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rosablulibero

    16 Novembre 2012 - 11:11

    L'atteggiamento di Befera nei confronti del risparmio dei cittadini é allarmante e molto pericoloso. La Costituzione Italiana prevede la protezione e la tutela del Risparmio Privato. Ogni azione che sconfina oltre questa protezione e ne compromette la tutela potrà essere perseguita attraverso la Giustizia, e verrà chiamato in causa chi ne ha permessa l'attuazione. Credo che gli Italiani sapranno rispondere nel modo giusto...................

    Report

    Rispondi

  • emi58

    16 Novembre 2012 - 10:10

    I loro conti si potranno controllare? pagheranno anche loro le dovute tasse?

    Report

    Rispondi

  • miky2010

    08 Gennaio 2012 - 10:10

    peccato che se i dati inseriti non vengono aggiornati, serpico dice un sacco di cazzate: alla ns. società che per attività primaria vende barche, viene contestata la proprietà di una barca venduta nel 2007 ed ancora di ns. proprietà nel cervellone di serpico, che per altro non fà distinzione tra la barca usata per le vacanze e la barca usata per il commercio!! evviva serpico, che a causa della sua miopia causera migliaia di chiusure di aziende ed altrettanti licenziamenti. vedi settore della nautica. evviva befera che se ne va in vacanza a cortina con 500.000 euro di stipendi annui. evviva monti che ci salverà dalla comunità europea di cui è stato commissario, evviva napolitano che ci allieta con i suoi discorsi e le sue spese quirilanizie.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    22 Dicembre 2011 - 12:12

    E allora ricominciamo daccapo ........ quanti soldi buttati al vento, ma non si potevano informare prima?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog