Cerca

Tesoro, asta dei titoli di Stato un mezzo flop: Btp invenduti

Il rendimento cala ma non crolla: c'è ancora troppo poco per la crescita. La domanda non raggiunge offerta

Tesoro, asta dei titoli di Stato un mezzo flop: Btp invenduti
Calano ma non crollano i rendimenti per i Btp assegnati dal Tesoro all'asta giovedì mattina: sono stati venduti titoli per 7,07 miliardi di euro contro gli 8,5 miliardi dell'offerta massima. Nel dettaglio la terza tranche del Btp triennale scadenza 15 novembre 2014 è stata collocata per un importo pari a 2,537 miliardi (3,462 miliardi la domanda) con un rendimento lordo del 5,62%, in calo di 227 punti rispetto all'asta precedente. In calo anche il rendimento del Btp decennale: la nona tranche del Buono scadenza il primo di marzo 2022, richiesto per 3,39 miliardi e collocato per 2,5 miliardi, ha spuntato un rendimento del 6,98% dal 7,56% record dell'asta dello scorso novembre. Un calo dei rendimeti sensibile ma non eclatante, a dimostrazione del fatto che se la stangata e le tasse di Monti sono destinate a migliorare i conti pubblici nel breve termine (circostanza testimoniata dal crollo dei rendimenti di Bot e Ctz nell'asta di mercoledì) ancora promettono troppo poco per la crescita. Dopo l'asta è trapelata la notizia che la Bce è intervenuta sul mercato secondario dei titoli di Stato per un acquisto limitato di Btp, con ordini tra i 5-10 milioni di euro.


Spread - L'asta dei titoli di Stato, nonostante il calo dei rendimenti, non ha avuto effetti benefici sullo spread tra Btp e Bund tedesco a 10 anni, che dopo aver aperto a 510 punti base è schizzato a 524 per attestarsi intorno ai 520 punti, con un rendimento pari al 7,07 per cento. Nel corso della conferenza stampa di fine anno, il premier Mario Monti ha detto che "sicuramente nei fondamentali della nostra economia non c'è nulla che giustifichi uno spread così alto".

Borsa - Piazza Affari proseguiva in lieve calo dopo i segnali contrastanti arrivati dall’asta dei Cct e dei Btp a medio e lungo termine. Dopo un apertura in territorio positivo con rialzi vicini al mezzo punto percentuali, poco prima delle 14 il paniere principale Ftse Mib era pressoché in parità, lasciando lo 0,01%, mentre il complessivo All Share perdeva lo 0,03 per cento. Positivi gli altri principali listini europei, con Francoforte che guadagnava 0,33 punti percentuali, Parigi lo 0,30% e Londra lo 0,18 per cento. A metà seduta, dopo una mattinata positiva, a Piazza Affari in calo le banche, con Bper (-3,32%), Ubi (-1,16%) e Bpm (-1,09%) a guidare i ribassi. Dopo una mattinata positiva, in calo anche Intesa sp (-0,55%), Banco popolare (-0,61%), Unicredit (-0,69%), Mediobanca (-0,14%) e Mps (-0,28%). Prosegue brillante Azimut (+2%).   Girano al rialzo Enel (+0,46%) ed Eni (+0,32%).   Negative Fiat (-1,59%), Prysmian (-1,52%) e Pirelli (-0,78%).   Fuori dal Ftse Mib, Fonsai -2,44%, e Milano assicurazioni -5,67%, dopo il downgrade di Fitch. Premafin, che in apertura non è riuscita a fare prezzo, ora cede il 5,03%. Piatta Edison (-0,06%) nel giorno del cda di A2a (-0,40%) e Delmi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    30 Dicembre 2011 - 08:08

    Se l'asta dei titoli di stato è stata un mezzo flop,l spread non scende e Monti ha dichiarato che potrà essere così ancora per mesi ,questo dimostra che la colpa non era di Berluscani come dicevano Casini e Bersani.Questi sono i fatti.Il proverbio dice che le bugie hanno le gambe corte ma questi due politicanti si inventeranno qualche altra scusa. Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • marcopcnn

    30 Dicembre 2011 - 06:06

    Tutto come previsto. Lo avevo scritto ieri, l'asta dei BTP non sarebbe andata come la precedente asta dei BOT. E ne ho anche spiegato le ragioni. Lo sapevo io e certamente lo sapeva e lo sa anche l'articolista che ora parla di Mezzo Flop. Lasciamoli lavorare, almeno altri 3 mesi, Vediamo se saranno capaci di fregarsene dei veti incrociati di PDL PD , lobby varie e fare le riforme che servono al paese.... Per un ritorno del Cav alla guida del paese possiamo tranquillamente aspettare.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    29 Dicembre 2011 - 23:11

    ...poca domanda?Vuol dire che non garba a chi acquista i titoli italiani il saggio dell'interesse.Proviamo aumentare quest'ultimo e...l'acquisto dei titoli volerà di certo!! Tanto...Monti ha capito di non riuscire coi suoi provvedimenti... equi,a fare scendere lo spread.Anzi,ha cambiato parere dicendoci che lo spread dopo tutto,non interessa più di tanto.

    Report

    Rispondi

  • Google

    29 Dicembre 2011 - 17:05

    mezzo flop la vendita ? Piú di 7 mld invece di 8,5 un mezzo flop ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog