Cerca

Meno male che c'è il Prof: con lui spread fino a 700

Secondo gli analisti il differenziale tra i nostri Btp e il Bund è destinato a salire. Monti si vanta, ma è soltanto una tregua

Meno male che c'è il Prof:  con lui spread fino a 700

Gli analisti tecnici non sono d’accordo con Mario Monti e con la sua analisi ottimistica dello spread sul nostro debito pubblico. Nella sua recente conferenza stampa, il premier, grafico alla mano, ha detto agli italiani che il differenziale tra i rendimenti dei  titoli pubblici del Belpaese e quelli tedeschi ha imboccato la virtuosa strada di un suo dimagrimento. Il professore ha voluto sottolineare come dal suo arrivo a Palazzo Chigi il famigerato spread tra Btp e bund a dieci anni abbia segnato interessanti picchi minimi e, cosa ben più importante, che il trend, almeno quello di breve e medio periodo, punti al ribasso. Il grafico che Monti ha mostrato in conferenza stampa e che schematizzava la differenza tra i nostri titoli e quelli tedeschi, aveva degli inequivocabili segni rossi, linee che segnavano appunto una tendenza al ribasso.

Chi si occupa di analisi tecnica la pensa esattamente all’opposto: lo spread continua a seguire un trend in vigorosa salita. Come si può vedere dal grafico riportato qui in alto, estratto dai programmi utilizzati dai professionisti su cui si basano le operazioni di compravendita per conto degli investitori istituzionali, pur ricalcando l’andamento di quello “montiano”, arriva a conclusioni completamente diverse. La linea, dicono gli esperti, «evidenzia tre canali rialzisti e si nota come, dopo il massimo segnato a 567, lo spread si sia inserito in un laterale  svolto sostanzialmente nella fascia 400/520».  Una «fase laterale» non indica una tendenza di medio periodo.  L’analisi tecnica applicata al grafico indica invece come  innanzitutto «lo spread sia destinato comunque a riportarsi a quota 565/595 (ieri ha chiuso a quota 502, ndr), con obiettivo rialzista successivo a 700 punti». Praticamente un disastro. Secondo i tecnici, potrebbero esserci sì altri picchi minimi anche nei pressi dei 400 punti (persino a quota 390) ma questi ripiegamenti ribassisti  «rientrano nella normale attività di oscillazione e non modificano la tendenza di fondo, rialzista, per il raggiungimento dei target» prima citati.

Come spiegare allora il risultato delle ultime aste dei titoli pubblici di breve, medio e lungo periodo dove i Bot semestrali hanno visto il crollo dei rendimenti mentre i Btp a cinque e dieci anni hanno registrato solo una limatina? Probabilmente con la fiducia del mercato sulla differenza dei risultati che il governo dei professori riuscirà a ottenere nel breve e nel lungo termine. La stangata della «fase uno» del governo porterà quanto prima un bel po’ di quattrini nelle casse dello Stato perché  principalmente figlia di un inasprimento fiscale. Il bilancio dello Stato, da qui a un anno, è stato così messo in sicurezza. Ma essendo una manovra sostanzialmente recessiva, i risultati negativi sull’economia reale si vedranno entro la fine del 2012 mentre non è affatto detto che le strombazzate liberalizzazioni della «fase due» abbiano risultati certi o che resistano a un futuro governo politico. Che sia di centrodestra o di centrosinistra è molto probabile che i gruppi di pressione ben presenti nei partiti riescano a stravolgere l’impostazione montiana, a meno che l’Europa non riesca nell’intento di conquistare il controllo di molte delle competenze chiave attualmente in mano ai singoli governi. La Spagna è messa peggio di noi eppure ha uno spread di lungo periodo più virtuoso e questo perché gli interventi del vecchio governo hanno gettato le basi per un cambio di rotta che il nuovo del popolare Rajoy porterà avanti. Il mercato  ritiene invece che in Italia finirà a tarallucci e vino. Una crisi di fiducia che si ripropone, nonostante i secchioni,  pari pari sullo spread.

di Antonio Spampinato
ha collaborato  Daniela Turri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cal.vi

    05 Gennaio 2012 - 20:08

    Brenno, tanto tempo fa sembra abbia detto "guai hai vinti". Con un debito cosi non si va da nessuna parte. L'unica alternativa, ricomprarci i nostri debiti pubblici. Lo stato cominci a pagare gli stipendi alti per metà in bot a 5 anni, poi tutto si ripiana. Con nostro debito all'estero dopo aver sputtanato il capo del governo che ha vinto le elezioni, non siamo più credibili. Non solo il capo del governo regolarmente eletto, ma tutti.

    Report

    Rispondi

  • mab

    05 Gennaio 2012 - 19:07

    Non esistono soluzioni, in ogni campo c'è confusione, incapacità e inefficenza, con metodi istituzionali (si fà per dire) non si arriva a niente. Si dovrebbe radere al suolo tutto il paese per ricominciare da capo.

    Report

    Rispondi

  • longhma

    05 Gennaio 2012 - 18:06

    Con Monti , Berlusconi, ecc. ecc. Sono dei poveri diavoli a cui Bruxelles e la Merkel gli hanno infilato la mano su per il c..o, ed ora li stanno manovrando a proprio piacimento come dei burattini !!! Sono loro che dovrebbero essere giustiziati senza processo per crimini contro l'UMANITA' !!!

    Report

    Rispondi

  • pussy

    05 Gennaio 2012 - 18:06

    Ma buttiglione, d'alema e gli altri che affermavano che la colpa dello spread alto era di Berlusconi, e che sarebbero bastate le sue dimissioni per farlo scendere di parecchio ci sono ancora??? O forse (ma ci credo poco) hanno finalmente provato un pò di vergogna per le loro affermazioni infondate, cattive e pretestuose??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog