Cerca

Ungheria, rating 'spazzatura'. Il nuovo fronte della paura

Dopo Moody's e Standard&Poor's, anche Fitch declassa il debito di Budapest. Non solo Atene, ecco un'altra grana per l'Europa

Ungheria, rating 'spazzatura'. Il nuovo fronte della paura

Dopo la Grecia, l'Ungheria. E' Budapest l'ultima frontiera della crisi dell'Eurozona. I titoli di Stato ungheresi sono stati declassati anche dall'agenzia di rating Fitch a 'spazzatura', a BB+ da BBB-, confermando l'outlook negativo, e allineandosi così al giudizio espresso da Moody's e Standard & Poor's, che avevano già ridotto a 'junk' il rating del debito di Budapest. "Il declassamento dell'Ungheria riflette l'ulteriore peggioramento dei conti pubblici, delle prospettive di crescita e le crescenti difficoltà a finanziarsi sui mercati", spiega Fitch sottolineando che tutto questo "è stato causato in parte da politiche economiche non ortodosse, che minano la fiducia degli investitori e complicano la messa a punto di un accordo con l'Ue e l'Fmi per un nuovo pacchetto di aiuti". A pesare anche laa decisione del premier Viktor Orban di varare una riforma costituzionale, entrata in vigore l'1 gennaio, che modifica lo statuto della banca centrale ungherese svincolandola di fatto dal controllo della Banca Centrale Europea e portandola sotto quello del governo magiaro, violando i trattati dell'Unione Europea. A causa di questa decisione, Ue e Fondo Monetario internazionale hanno sospeso i negoziati con Budapest sulla definizione di un pacchetto di salvataggio da concedere all'Ungheria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Bobirons

    07 Gennaio 2012 - 13:01

    E' stato chiaro a tutti, meno che ai legislatori europei, che allargare troppo la comunità sia in senso territoriale che politico, avrebbe portato la conseguenza di un amalgama improponibile di culture diverse. L'Europa occidentale è già molto diversa, prendiamo i popoli latini e quelli germanici. Estendere subito la comunanza anche a popolazioni slave, la maggior parte reduci da decenni di paradiso social proletario, avrebbe portato non una coesione ma uno scontro più o meno evidente ma sempre forte. In questi casi che ne gode non è necessariamente il più forte ma il più arrogante, colui (in senso nazionale) che si ammanta, purtroppo viene anche ammantato per un comune modo di dire, di precisione e correttezza. Chi come lo scrivente ha avuto modo di intrattenere relazioni commerciali ed umane con la Germania sa che il detto "deutsche Prezision" valga, al massimo per qualche orologio, ma spesso fabbricato in Svizzera o Giappone.

    Report

    Rispondi

blog