Cerca

Con la crisi diminuisce il vizio, le "bionde" si vendono di meno

Rapporto dei Monopoli di Stato: ogni fumatore ha rinunciato a un pacchetto di sigarette al mese. Boom di tabacco trinciato

Con la crisi diminuisce il vizio, le "bionde" si vendono di meno

La crisi fa diminuire i vizi. Soprattutto quello della "bionda". Secondo l'Amministrazione   autonoma dei Monopoli di Stato (Aams), pubblicata sul sito web del   ministero della Salute è infatti calata in Italia la   vendita delle sigarette. Nel 2010 le vendite si sono ridotte del 2,4%   rispetto al 2009: quasi 1 pacchetto in meno al mese acquistato da ciascun fumatore. In particolare per la prima volta dal 1997 le vendite sono scese sotto la soglia dei 90 milioni di kg. Accanto al calo della vendita di 'bionde', si precisa nel rapporto che "nell'ultimo anno, si è registrato un ulteriore notevole aumento (+29,5%) delle vendite del tabacco trinciato (per le sigarette  'fai da te': RYO - Roll Your Own), le cui vendite sono più che   triplicate (+204%) dal 2004. Questo tipo di tabacco, che rappresenta attualmente il 2,2 % del mercato, ha un costo inferiore rispetto alle  sigarette ed è, quindi, particolarmente 'appetibile' per i giovani consumatori".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • riccardoenrico

    12 Gennaio 2012 - 09:09

    credo di aver scoperto l'acqua calda affermando che se sono diminuite le bionde del monopolio sono aumentate quelle di contrabbando e riguardo all' aumento della vendita del trinciato ho qualche dubbio che l'unica motivazione sia la crisi

    Report

    Rispondi

blog