Cerca

Dopo declassamento di S&P alta tensione su Btp e spread

Il differenziale intorno ai 500 punti. I mercati provano a reagire alla mazzata dell'agenzia: indici contrastati

Dopo declassamento di S&P  alta tensione su Btp e spread

Occhi puntati sui mercati europei, alla prova del fuoco dopo il super-declassamento di massa deciso venerdì dall'agenzia di rating Standard & Poor's (nel mirino anche Francia, Italia e Spagna). Così all'apertura delle contrattazioni lo spread tra i Btp decennali e l'omologo Bund tedesco è ritornato a quota 500 punti base, lasciandosi alle spalle i progressi segnati dopo l'esito positivo delle aste della scorsa settimana. Successivamente lo spread è calato fino a 486 punti con un rendimento al 6,62 per cento. Anche l'euro è sceso ai minimi contro il dollaro da lulgio 2010, a 1,265, e ai minimi da 11 anni nei confronti dello yen. Il principale appuntamento della giornata è l'asta di titoli di Stato francese: oggi, lunedì 16 gennaio, Parigi proverà a piazzare titoli per 8,7 miliardi.

In Borsa - A Piazza Affari l'avvio di giornata era all'insegna della tensione. Dopo pochi minuti il paniere principale Ftse Mib lasciava l'1,2%, ma successivamente era tornato in parità. L'All Share, intorno alle 9.20, perdeva 0,14 punti percentuali. La mattinata è stata vissuta nel segno dell'incertezza, e intorno alle 14.30 lo scenario non era cambiato: il Mib perdeva lo 0,12% e l'All Share lo 0,20 per cento. Contrastati gli altri indici europei: Londra lasciava lo 0,03%, Francoforte saliva dello 0,32% e Parigi era in sostanziale parità, in calo dello 0,01 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcopcnn

    17 Gennaio 2012 - 23:11

    A leggere certi commenti infarciti di catastrofismo , improperi contro Monti e frasi lapidarie del tipo "Monti ha fallito" viene da domandarsi chi possano essere coloro che le scrivono e quale mondo vedano. Poi si leggono i nick, ricorrenti ed allora si capisce. Sono gli stessi che dopo 10 anni di fallimenti Berlusconiani affermano che ha lavorato benissimo, non poteva fare di più e che solo lui ci può salvare !. Per Berlusconi dieci anni non sono sufficienti a dichiarare fallimento. Per Monti bastano 10 Settimane ! Penosi !

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    16 Gennaio 2012 - 16:04

    Lo spread viaggiava attorno ai 400 e Rosy, l'indisponente, pontificò: se cade Berlusconi e sale Monti d'Azzate, lo spread torna a meno di 200. Oggi è sopra i 500 e non abbiamo ancora visto le dimissioni della Bindi. Non ha mai fatto una sega, i romani pregano per i suoi defunti, perchè dovrebbe ritirarsi? E noi la paghiamo: ma... l'usel l'è el me e tel fo gnanca vedè o tradotto la volpe e l'uva. Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • attila51

    16 Gennaio 2012 - 15:03

    Ma è cosi divertente fare articoli catastrofici quando c'è la normalità assoluta sui mercati ? ( io ci lavoro). Già venerdi alle 12,30 sapevamo della cosa e ci sono state prese di profitto. Sembra godiate nello scrivere che siamo in palta!!! Lo spread è a 486 e di S&P facciamo le giuste considerazioni. Meno enfasi nello scrivere please..sembrate Novella 2000.

    Report

    Rispondi

  • aifide

    16 Gennaio 2012 - 14:02

    poer capire che Monti ha fallito su tuttra la linea? Un altro declassamento? La guerra civile? Uno sciopero generale di 7 giorni? Deputati e sentaori: adesso i responsabili siete voi che continuate a sostenere in Parlamento questo governo golpista. Non illudetevi: in caso di default i primi a pagre sarete voi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog