Cerca

Video Bechis: Vi spiego quale mazzata attende gli italiani

Il vicedirettore a LiberoTv sull'accordo Ue: "Regole insostenibili per noi, prelievo forzoso per 30 anni. Lacrime e sangue"

Video Bechis: Vi spiego quale mazzata attende gli italiani
Approvato il nuovo patto Ue, che sarà a 25 e non 27. Perse per strada Gran Bretagna e Repubblica Ceca. Regole insostenibili per l'Italia, ma non ci sono sanzioni per chi le viola e la faremo franca. Però circolano piani segreti sul debito pubblico italiano da fare accapponare la pelle. Come un prelievo forzoso per 30 anni che metterebbe in ginocchio 24 milioni di contribuenti e intere generazioni a cui viene tolta la speranza.



 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    01 Febbraio 2012 - 08:08

    Che chiede a Bechis un suggerimento? ma come, il cammelliere che dispensa suggerimenti, sistemi, opinioni, ogni qual volta che apre il computer, ora chiede suggerimenti? Dai, montatore di cammelle, non si faccia ridere alle spalle. Poi, lei ha anche la "casetta" fuori i confini, potrà sempre andarsene. Mi chiedo cosa aspetta, lei detrattore di questa Italia che sua non e'. Torni nel suo deserto, nella tenda o nel tukul.

    Report

    Rispondi

  • wall

    31 Gennaio 2012 - 23:11

    ..siamo uno stato sovrano e non sudditi di bruxelles o del parlamento di strasburgo scitte in minuscolo per non dare ancora quella importanza a queste persone che ne fanno parte e che si riempiono la bocca che sono parlamentari europei. Fuori da questo maledetto euro che ancora porta sfiga a chi lo ha in uso. Prima di darci consiglio a voi del parlamento europeo scrivete invece la vera costituzione degli sati europei. Basta ingressi illusori...............

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    31 Gennaio 2012 - 20:08

    Il video non mi interessa. Dovemmo ottemperare agli accordi di Maastricht, cioé il nostro debito dovrebbe essere al massimo il 60% del PIL; é al 120% e, forse andra' al 122 nel 2012. Grosso modo, dovremmo essere a circa 200o miliardi, forse meno poiché quasi nessun paese vi é riuscito. Diciamo 1600/1800 Il rapporto é basato sulla frazione PIL diviso debito. Tutti i paesi cercheranno crescita per aumentare il PIL e rientrare in una percentuale più decente. Forse si incrementerà la crescita con vantaggi per tutti e anche per l'Italia (la crisi é globale, no?). Se ogni anno diminuiamo il debito (aumentiano la finanziaria) di 30/40 miliardi ci vuole mezzo secolo. Ma una parte la fara' l'inflazione, piccola che sia. Percio' da anni sappiamo che il debito é irredimibile. Occorrono misure che ci portano a sacrifici. E ce li meritiamo. L'alternativa é il fallimento, cioé il danaro carta straccia e tante altre nefaste onseguenze. Se l'articolista ha suggerimenti, li dia.

    Report

    Rispondi

  • stabilri

    31 Gennaio 2012 - 20:08

    Daaaai Bechis non le spari così grosse. Un cordiale saluto da un simpatizzzante.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog