Cerca

Ma la Camusso non molla: l'articolo 18 non si tocca

La leader Cgil: il governo non ci convincerà. I licenziamenti indiscriminati non rappresentano un'opportunità di crescita per il Paese

Ma la Camusso non molla: l'articolo 18 non si tocca

Sull'articolo 18 "il governo non ci convincerà". Lo ha detto Susanna Camusso, leader della Cgil, ai microfoni di Radio Anch’io. "Penso che il problema di questo Paese sia il lavoro: i giovani e gli over 50 non lo trovano e sono costretti alla precarietà. Noi chiediamo al governo di ridurre precarietà e riduciamo forme di ingresso, costruiamo un ammortizzatore sociale universale anche per chi ha il lavoro discontinuo. Questo - ha sottolineato - è il tema, non ci convinceranno che intervenire sul licenziamnto indiscriminato rappresenti un’opportunità di crescita per il Paese". Per Camusso "una cosa è dire di renderlo gestibile sul piano dei tempi, altro che non sono praticabili". Se c'è una cosa certa, ha concluso, "è che in questi anni si è licenziato sempre e invece bisognerebbe ricominciare a riassumere".

Al ministro del Welfare, Elsa Fornero, durante l’incontro di ieri, mercoledì 8 febbraio, Susanna Camusso ha ribadito "che bisogna ridurre la precarietà, che bisogna intervenire sul terreno dell’ammortizzatore universale e che tutto questo non si può fare senza soldi". Lo ha detto lo stesso segretario generale della Cgil intervenendo a Radio Anch’io. "Il Governo non può immaginare - ha aggiunto - che i lavoratori si autofinanzino la disoccupazione o che si possa aumentare all’infinito il costo del lavoro in una situazione così difficile". Per Camusso questo è il "tema esplicito nei confronti di questo Governo che invece cerca di tagliare tutta la spesa sociale". Per il leader sindacale, infine, "le ragioni della crisi non vanno ricercate nel comportamento dei lavoratori ma nella disinvoltura della finanza".  “Al ministro abbiamo ribadito la   nostra posizione. Per ridurre la precarietà e per la riforma degli   ammortizzatori sociali il Governo deve mettere nuove risorse. Non si   può fare senza soldi. Non lo possono pagare i lavoratori e non si   possono caricare le imprese”. Ad affermarlo è il segretario generale  della Cgil, Susanna Cam

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    10 Febbraio 2012 - 16:04

    Allo sviluppo? Si sviluppa l'economia dando libertà di licenziare senza giusta causa o giustificato motivo? Il fatto é che si tenta il rilancio economico imitando la Cina: mezza scodellina di riso al giorno a chi lavora (riso cinese, ovvio). Di innovazione, ricerca di nuovi mercati, investimenti, non se ne parla neppure. Tutti abbiamo dimenticato che la crisi ha origini complesse che h anno contribuito per una parte a renderla piu' grave in Italia (e non solo). Si é dimenticata la responsabilità imprenditoriale. Da 20 anni nessun aumento di capitale, soldi solo delle banche (se va male é essa a pagare), creazione di gruzzoli all'estgero impoverendo le aziende, vita da nababbi ecc.. ''0Sono uno dei vostri'' disse l'ex Premier all'Assemblea di Confindustria. Una colpa supplementare.

    Report

    Rispondi

  • Pantera grigia 35

    09 Febbraio 2012 - 15:03

    Licenziate anche il magistrato!

    Report

    Rispondi

  • gado53

    09 Febbraio 2012 - 15:03

    Il problema non e' la Camusso, ma sono i GIUDICI

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    09 Febbraio 2012 - 11:11

    Eccola là!!..La strafottente regina delle contorsionistiche chiacchiere elusive,..con cui vengono sotterrati i veri problemi..ed esposte solo le infinite esigenze di spesa improduttiva senza limiti e confini,..che ci stanno avvitando in un circolo vizioso..senza fondo..Nonostante l'evidenza dei fatti (fuga degli investitori esteri, astinenza di quelli italiani, perdita assoluta di competitività, indebitamento colossale ecc..),..costei continua imperterrita a sdottoreggiare..delineando prepotentemente un miope, ottuso percorso di..affondamento..BASTAA!!!..Con questi fanatici, distruttivi comunistoidi all'amatriciana..Hanno già fatto troppi danni..Monti abbia il coraggio di andare sino in fondo..seguendo i logici principi di economia..che insegna da molti anni ai suoi allievi..Non può continuare ad inseguire i capricci afrodisiaci della Camussa, Bersanosky, Pietrisco o'sciamano, Ventolino perizomato..e..varia compagnia sciamannata..allo sbando..

    Report

    Rispondi

blog