Cerca

La Ducati sgomma all'estero: in vendita per un miliardo

La moto per cui corre Valentino Rossi alla ricerca di un partner internazionale: tra gli interessati Bmw e gli indiani di Mahindra

La Ducati sgomma all'estero: in vendita per un miliardo

 

I "puristi" delle due ruote storceranno il naso. Per loro, la Ducati è la Ferrari delle moto: una scuderia storica, ricca di vittorie a livello agonistico e che fa moto uniche per design e propulsori. Vederla "divorata" da uno dei colossi mondiali delle due ruote non è esattamente il sogno di un ducatista. Ma tant'è: l'azienda di Borgo Panigalevende 40.000 moto l'anno, nel 2011 (grazie anche alle vittorie di Valentino nella Moto Gp) ha aumentato il fatturato del 20% ed è considerata una delle più sane del settore, nonostante i debiti pari a 1,7 volte gli utili. Ciononostante, la Investindustrial di Andrea Bonomi ha annunciato in un'intervista al Financial Times l'intenzione di cedere il suo pacchetto. Lo stesso Bonomi aveva dato incarico lo scorso anno a Goldman Sachs, Deutsche Bank e Banca Imi di sondare il mercato in vista di una possibile quotazione della Ducati alla borsa di Hong Kong (con uno sguardo, evidentemente, ai ricchi mercati asiatici, e soprattutto a quello cinese). Ora la decisione di vendere, per una cifra che sarebbe intorno al miliardo di euro, cioè il triplo di quello che Bonomi aveva investito in Ducati.

Tra i partner che, secondo fonti del Financial Times, sarebbero interessate a entrare in Ducati, ci sarebbero due colossi delle moto come la tedesca Bmw e l'indiana Mahindra. Ma i tedeschi avrebbero già smentito ogni loro interesse.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    13 Febbraio 2012 - 19:07

    La Ducati nel 2011 non ha aumentato le vendite "grazie anche alle vittorie di Valentino nella Moto Gp", per il semplice motivo che Rossi NON ha vinto NIENTE con la Ducati! Ha venduto di più grazie all'uscita di modelli DA STRADA particolarmente indovinati e alle vittorie di Carlos Checa che ha dominato il mondiale SBK... Rossi non c'entra proprio niente! Comunque, fin dai tempi in cui era un'azienda parastatale, la Ducati è in perdita e passa di mano in mano piuttosto spesso. Si tratta solo di investimenti, in cui la passione per "la Rossa" non c'entra niente. Non esiste che un'azienda possa resistere in questo momento di crisi con volumi di vendita semplicemente ridicoli se paragonati a quelli delle Jap e di BMW. E' normale che Bonomi cerchi di monetizzare il proprio investimento e non credo che BMW abbia alcun interesse ad affossare il marchio Ducati: basti vedere come ha rivitalizzato la Husqvarna.

    Report

    Rispondi

  • mamex

    mamex

    13 Febbraio 2012 - 18:06

    Porca puttana, articolo 18 di merda

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    13 Febbraio 2012 - 17:05

    se veramente dovesse accadere meglio gli indiani che i tedeschi.

    Report

    Rispondi

blog